BusinessOnline - Il portale per i decision maker








IMU terreni: chi paga a Dicembre 2014. Lista soggetti e Comuni si può già conoscere di dove e chi deve nuova tassa

In via di approvazione il decreto sul pagamento dell'IMU sui terreni agricoli. Il limite di altitudine sotto la quale occorre passare alla cassa è di 600 metri.




Non c'è ancora la firma del ministro dell'Economia Pier Carlo Padoan al decreto che fissa le regole per il pagamento dell'IMU sui terreni agricoli. La data individuata per il versamento dell'imposta in un'unica soluzione è quella del 16 dicembre 2014. Secondo il decreto in via di ultimazioni, saranno chiamati a rispettare la scadenza fiscale tutti i possessori di un terreno in un comune sotto i 600 metri. Da quest'altitudine e fino a 281 metri sono però previste esenzioni variabili per coltivatori diretti e imprenditori agricoli professionali, che diventano maggiori sotto i 281 metri.

Non sono soggetti a IMU i terreni a immutabile destinazione agro-silvo-pastorale a proprietà collettiva indivisibile e inusucapibile. Per sapere se la proprietà ricade nei comuni coinvolti ovvero per verificare l'altitudine, è possibile visitare il sito Istat. Siamo alle battute intermedie poiché il decreto sta incontrando la prevedibile opposizione delle associazioni di categoria che lamentano violazioni alle norme dello statuto del contribuente. Le amministrazioni comunali coinvolte, poi, sono chiamate a preparare e ad approvare in tempi record le relativo delibere.

Le modalità di calcolo sono rimaste immutate. L'importo deriva dall'applicazione dell'ammontare del reddito dominicale risultante in catasto, rivalutato del 25% e di un moltiplicatore pari a 135. Per i terreni agricoli e per quelli non coltivati, posseduti e condotti dai coltivatori diretti e dagli imprenditori agricoli professionali iscritti nella previdenza agricola il moltiplicatore è pari a 75. Infine, i terreni agricoli posseduti da coltivatori diretti o da imprenditori agricoli professionali, iscritti nella previdenza agricola, sono soggetti all'imposta solo per la parte di valore eccedente a 6.000 euro.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il