BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Elezioni Emilia Romagna regionali 2014 oggi proiezioni aggiornati, sondaggi chi vince Pd, Forza Italia, Lega, Movimento 5 Stelle

Seggi aperti solo domenica per le elezioni regionali in Emilia Romagna. Sono sei i candidati alla successione del dimissionario Vasco Errani.




AGGIORNAMENTO: Si aprono oggi, domenica 23 Novembre 2014, i seggi per i voti delle elezioni regionali in Emilia Romagna. Nell'articolo sottostante abbiamo visto gli orari e come si vota, la scheda elettorale oltre gli ultimi sondaggi aggiornati su chi, si prevede, vincerà tra i candidati principali, mentre in questo articolo al seguente link diretto, vi sono i link diretti per seguire l'affluenza, i risultati, gli exit poll aggiornati con i risultati di chi vincerà dopo lo spoglio.

Urne aperte dalle 7 alle 23 per 3.460.402 aventi diritto che dovranno presentarsi muniti di tessera elettorale e documento di riconoscimento. In ballo c'è la scelta del nuovo presidente della giunta e di 50 consiglieri. Degli uscenti, 41 sono indagati dalla procura con l'accusa di aver speso illecitamente i soldi dei rimborsi ai gruppi. Sulla chiamata al voto aleggia l'incubo dell'astensionismo.

I candidati governatore sono 6: Stefano Bonaccini, espressione del centrosinistra composto da Partito Democratico e Sel; Alan Fabbri, su cui hanno raggiunto l'accordo Lega Nord, Forza Italia e Fratelli d'Italia; Giulia Gibertoni del Movimento 5 Stelle; Maurizio Mazzanti dei Liberi cittadini per l'Emilia Romagna, lista in cui sono presenti gli ex del Movimento 5 Stelle Federica Salsi e Giovanni Favia; Alessandro Rondoni del Nuovo Centro Destra; Cristina Quintavalla dell'Altra Emilia Romagna. I sondaggi sembrano parlare chiaro: non ci sarà un cambio di colore alla guida della Regione che rimarrà nelle mani del centrosinistra ovvero di Stefano Bonaccini.

Come si vota in Emilia Romagna? L'elettore ha 5 soluzioni per esprimere la propria preferenza: votare solo per un candidato alla carica di presidente della giunta; votare per un candidato alla carica di presidente della giunta e per la lista o per una delle liste collegate; votare disgiuntamente per un candidato alla carica di presidente della giunta regionale e per una delle altre liste non collegate; votare solo per una lista; esprimere una o due preferenze per i candidati alla carica di consigliere regionale.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il