BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni donne, anzianità, uomini riforma Governo Renzi: novità proposte anticipata, si apre scontro tra Parlamento, Ministri, Mef

La riforma delle pensioni stenta a decollare anche per via dell'assenza di coperture economiche. Ma non mancano le proposte di cambiamento.




C'è un confronto aperto fra parlamentari e ministri sulla riforma pensioni Renzi. Novità e ultime notizie viaggiano in questa direzione: è sempre più avvertito il bisogno di rivedere le norme della legge Fornero, rispetto a cui non mancano le proposte di cambiamento, ma il governo chiude a doppia mandata i forzieri. I soldi sono pochi, ragiona il ministro dell'Economia Pier Carlo Padoan, e non ci sono spazi di manovra per fare investimenti. Soprattutto in un comparto, come quello delle pensioni, che in questo momento sta assicurando stabilità economica.

Anche Tiziano Treu, commissario straordinario dell'Inps ed ex ministro del Lavoro, ha invitato a rivedere la legge Fornero: "Ne stiamo discutendo, l'Inps presenterà delle proposte per una qualche forma di flessibilità". Da tempo circolano diversi suggerimento: l'applicazione di quota 100 come somma dell'età anagrafica e degli anni contributivi; l'introduzione del prestito previdenziale per consentire il ritiro dal mondo lavoro degli over 50 disoccupati; la proroga per le donne del calcolo dell'assegno previdenziale con il metodo contributivo e l'estensione anche agli uomini.

Poi c'è il disegno di legge di Cesare Damiano, presidente della commissione Lavoro alla Camera dei deputati, di consentire l'uscita a 62 anni di età e 35 anni di contributi secondo uno schema di incentivi e penalizzazioni sulla somma mensile. Spiega Treu: "Credo che si deciderà dopo la legge di stabilità. Quest'anno è chiuso, ma per l'anno prossimo credo che questo dovrà essere uno dei temi centrali". Questo "è l'obiettivo, ma in che misura riusciamo a raggiungerlo dipenderà anche dai conti: la flessibilità massima costa tantissimo" e "ne stiamo parlando anche con il ministro Poletti, ma naturalmente sarà il parlamento a decidere".

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il