BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Elezioni Calabria 2014 regionali oggi: risultati ufficiali, spoglio aggiornamento tempo reale Pd, Forza Italia, Movimento 5 Stelle

Chiuse le urne per le elezioni regionali in Calabria 2014. Spoglio in tempo reale, chi vince




AGGIORNAMENTO: Oggi, lunedì 24 Novembre 2014, continua lo spoglio delle schede e il conteggio dei voti per le elezioni regionali Calabria 2014. Siamo giunti, al momento, a 2093 sezioni scrutinate su 2409.
Primo, al momento, è Gerarmo Oliverio con il 61,5% dei voti della coalizione del Pd, seguito da Wanda Ferro al 23,63% della destra e Nico D'ascola dell'Udc e Ncd. Il Movimento 5 Stelle si ferma al 4,87% con il candidato Cantelmi

C'è anche la Calabria a essere interessata dalle elezioni regionali in programma oggi domenica 23 novembre 2014. Dalle 7 alle 23 sarà possibile esprimere la propria preferenza al seggio elettorale di appartenenza, in cui occorre presentarsi minuti di tessera elettorale e documento di riconoscimento valido. Per risultati e aggiornamenti in tempo reale sull'andamento degli scrutini, il sito principale è quello del Ministero dell’Interno e quello sulle elezioni. Le prime proiezioni saranno disponibili sui portale del Corriere della Sera, della Repubblica, del Sole 24 Ore e di Sky TG24.

I candidati governatore sono 5; quello che ha più liste a sostegno (8) è quello di centrosinistra. Nessuna convergenza fra Forza Italia e Nuovo Centro Destra. In corsa ci sono Wanda Ferro (Forza Italia e Fratelli d'Italia), già presidente della provincia di Catanzaro; Mario Oliverio (Partito Democratico, Democratici e progressisti, Oliverio presidente, Per cambiare la Calabria, Centro democratico, Autonomia e diritti, Cristiano democratici uniti), già alla guida della provincia di Cosenza; Cono Cantelmi del Movimento 5 Stelle; Nico D'Ascola sostenuto da Nuovo Centro Destra e Udc; Domenico Gattuso della lista Tsipras-Rifondazione.

L'elettore calabrese può votare solo per un candidato alla carica di presidente della giunta regionale; votare per un candidato alla carica di presidente della giunta e per la lista collegata; votare per una lista; esprimere un solo voto di preferenza per un candidato alla carica di consigliere regionale. A differenza del passato, questa volta non è ammesso il voto disgiunto ovvero votare per un candidato alla carica di presidente della giunta regionale e per una lista non collegata.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il