BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Indulto e amnistia: novità questa settimana

Si attendono ancora novità su misure di indulto e amnistia e mentre diminuiscono i detenuti, seppur ancora tanti, cresce la diffusione di malattie infettive. La situazione




Ancora nessuna novità particolare sulla definizione del testo unico dei quattro ddl su indulto e amnistia. Le questioni di clemenza continuano a dividere mondo politico e mondo sociale e, a quanto pare, non si riesce a trovare un punto di incontro sulla definizione di una questione, quale quella del sovraffollamento carcerario, che sta creando non pochi problemi. E non solo all’Italia. Secondo Rita Bernardini, Segretario generale del Partito Radicale, i provvedimenti approvati con il decreto svuota carceri non si sono rivelati poi così efficienti, nonostante abbiano contribuito ad una diminuzione della popolazione carceraria. Ma l’emergenza resta ancora.

E la questione diventa ancora più grave quando all'emergenza del sovraffollamento si sarebbe aggiunta quella sanitaria: cresce, infatti, la diffusione delle malattie contagiose tra la popolazione carceraria, e, secondo la Società italiana di medicina penitenziaria, le criticità riguarderebbero malattie come epatite, tubercolosi, Aids. Questo quadro mette ancora più in evidenza una situazione di forte emergenza e degrado.

E se il premier Renzi continua a sostenere che non sono le misure di indulto ed amnistia quelle risolutive di una situazione ben più profonda da affrontare, se molte forze politiche lo sostengono, mentre altre sono decisamente contrarie a questa posizione, il governatore della regione Veneto Zaia sostiene: “Nessun indulto, ma nuove carceri, magari anche in un’isola della laguna. E’ angosciante pensare che siamo arrivati a dei livelli che conoscevamo solo attraverso i film fatti come questi significano che non c’è più un governo della sicurezza. Le forze dell’ordine fanno il loro dovere, ma in Parlamento e al Governo si pensa soltanto a nuovi indulti, non a costruire più carceri, magari anche rivitalizzando qualche isola abbandonata della laguna di Venezia”.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il