BusinessOnline - Il portale per i decision maker


Cerca







Elezioni Emilia Romagna 2014 regionali: Pd, Lega, Movimento 5 Stelle, Forza Italia, Udc, Ncd. Risultati ufficiali chi ha vinto

Chiuse le urne in Emilia Romagna per le elezioni del presidente della giunta e dell'assemblea legislativa.




Aggiornamento: In Emilia Romagna, per le elezioni regionali vince il Pd, come in Calabria, ma l'astensionismo risulta molto forte con oltre il 40%.
I risultati ufficiali vedono eletto Stefano Bonaccini del Pd con il 49% dei voti, seguito Alan Fabbri con poco meno del 30% della coalizione formata da Lega e Forza Italia, mentre Giulia Gibertono del Movimento 5 Stelle arriva al 13,3. Debacle di Forza Italia che si ferma al 9%, mentre la Lega per la prima volta la doppia e arriva al 19%


C'è tempo fino alle 23 per votare alle elezioni regionali in Sicilia. Sono coinvolti gli elettori di tutte le province. Per votare occorre recarsi al seggio di competenza munito di tessera elettorale e documento di riconoscimento. Per rimanere aggiornati su andamento degli scrutini, affluenza, risultati, aggiornamenti in tempo reale ed exit poll, i siti di riferimento sono quello del Ministero dell'Interno e quello sulle elezioni. Le prime proiezioni saranno disponibili sui portali del Corriere della Sera, della Repubblica, del Sole 24 Ore e di Sky TG24.

Sono in 6 a puntare alla vittoria: Stefano Bonaccini, candidato del centrosinistra ovvero di Partito Democratico e Sel; Alan Fabbri, espressione di Lega Nord, Forza Italia e Fratelli d'Italia; Giulia Gibertoni del Movimento 5 Stelle; Maurizio Mazzanti dei Liberi cittadini per l'Emilia Romagna, lista movimentata dagli ex esponenti dello stesso Movimento 5 Stelle Giovanni Favia e Federica Salsi; Alessandro Rondoni del Nuovo Centro Destra; Cristina Quintavalla dell'Altra Emilia Romagna.

Come si esprime la propria preferenza in Emilia Romagna? L'elettore può votare solo per un candidato alla carica di presidente della giunta; votare per un candidato alla carica di presidente della giunta e per la lista o per una delle liste collegate; votare disgiuntamente per un candidato alla carica di presidente e per una delle altre liste non collegate; votare solo sul contrassegno di una lista. In tal caso, il voto si intende espresso, oltre che per la lista, anche a favore del candidato alla carica di presidente della giunta collegato; esprimere uno o due voti di preferenza per candidati alla carica di consigliere regionale ricompresi nella lista votata.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il