BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Canone Rai 2015 nuovo Governo Renzi: è già scontro e divisioni su quando modifiche, per chi, quali case e quanto si paga

Entra nel vivo la questione della riforma del canone Rai. Il presupposto per il pagamento sarà la titolarità di una utenza elettrica.




La discussione sul pagamento del canone Rai con la bolletta elettrica non è nuova e si trascina da tempo. Tuttavia il governo Renzi ha fretta e vuole chiudere la partita già con la prossima legge di stabilità. L'intenzione è di far passare le nuove norme con un emendamento alla manovra, da presentare in Senato. Le regole sono chiare: basterà essere titolari di una utenza elettrica e di un televisore o di PC, smartphone e tablet per essere soggetti all'imposta. Il canone verrebbe inserito nella bolletta della luce (ma c'è l'opposizione di Assoelettrica) o con la dichiarazione dei redditi.

L'importo sarebbe proporzionale all'Isee. Rispetto ai 113,50 euro annuali, la somma media da pagare sarebbe di 80 euro. Questa è comunque la settimana decisiva per capire quale direzione intraprenderà il governo. Nei prossimi giorni è infatti in programma il faccia a faccia fra il presidente dell'Authority Guido Bortone e il sottosegretario alle Comunicazioni Antonello Giacomelli. Ma c'è anche un'opposizione politica da fronteggiare. All'orizzonte si intravede la manifestazione No Tax Day a Milano, il prossimo 29 novembre, per protestare contro questa misura.

Per Giovanni Toti di Forza Italia inserire il canone nella bolletta della luce è "un tentativo al limite della legalità di far pagare un servizio anche a famiglie, cittadini, consumatori ed utenti che non hanno la televisione". E ancora, "Renzi parla di un Paese più competitivo ma l'unica competizione che sta vincendo l'Italia è quella delle tasse più alte al mondo". Per il leghista Gianmarco Centinaio, capogruppo al Senato, prevedere il canone in bolletta sarebbe "un furto di Stato". Per Michele Anzaldi (PD), "bene il principio, a partire dalla riduzione del canone. Ma attenzione a come viene declinato".

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il