BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni donne, precoci, vecchiaia riforma Governo Renzi: novità modifiche positive INPS e partiti bloccate dai Ministeri

Il ministro dell'Economia Pier Carlo Padoan frena rispetto all'ipotesi di cambiare le regole della pensione nell'ambito della legge di stabilità.




Tutti i tentativi di riformare le pensioni in Italia sembrano scontrarsi con il muro eretto dal Ministero dell'Economia. Dinanzi all'assenza di coperture economiche per finanziare possibili scostamenti dall'attuale impianto previdenziale, c'è ben poco da fare. Perfino i recenti appelli del commissario straordinario dell'Inps Tiziano Treu a introdurre nel sistema una maggiore dose di flessibilità in uscita, rischiano di cadere nel vuoto. Eppure le soluzioni proposte dai partiti (e dagli stessi membri del governo) sono a costo zero, o quasi.

Il ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali, Giuliano Poletti, ha avanzato l'idea del ponte previdenziale per consentire agli over 50 rimasti senza lavoro e senza ammortizzatori sociali, di congedarsi in anticipo. Rimane in piedi l'ipotesi di Cesare Damiano, presidente della commissione Lavoro alla Camera dei deputati, di aprire le porte della pensione 62 anni di età con 35 anni di contributi versati, secondo una tabella di incentivi e penalizzazioni in base al momento del ritiro. Ci sono poi il ritorno quota 100 come somma di età anagrafica e anni di contribuzione e il calcolo dell'assegno per tutti con il metodo contributivo.

Sulla questione della previdenza è intervenuto anche il sottosegretario all'Economia, Pierpaolo Baretta, intervistato dal Messaggero. In particolare sui Fondi pensione ha spiegato che "il dibattito non è solo sulle tasse, ma anche sulla previdenza complementare e sul suo ruolo. Tutto si incrocia anche con la richiesta fatta dal governo alle Casse di previdenza di convertire parte delle loro risorse impiegate su debito estero per finanziare attività economica in Italia. Sulla base di queste valutazioni prenderemo le decisioni su cosa fare. È una discussione aperta".

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il