BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni, riforma,quota 96 bocciati emendamentt,assunzioni precari scuola Ue,indulto,amnistia,Legge Stabilità: novità oggi venerdì

Come si stanno evolvendo le principali questioni del governo Renzi: continua intanto l’iter approvazione Legge di Stabilità




E’ ancora caos pensioni tra richieste di approvazione di piani di uscita anticipata e flessibile, proroga dell’opzione contributivo per le donne e cancellazione dei disincentivi per chi vuole andare in pensione prima dei 62 (misure di cui beneficerebbero soprattutto i lavoratori precoci), si attendono ancora notizie dalla Commissione Giustizia sul testo unificato dei quattro ddl sulle misure di indulto e amnistia, questione che continua a spaccare il mondo politico, tra chi ritiene che si tratti di misure da approvare per risolvere l’emergenza del sovraffollamento carcerario e chi invece ritiene, come lo stesso premier Renzi, che  non siano invece misure risolutive, ma è arrivata una buona notizia, probabilmente, per i 4mila lavoratori di Quota 96 della scuola.

Si tratta di lavoratori che oltre due anni hanno raggiunto i requisiti necessari per l’accesso alla pensione ma che sono ancora a lavoro. Più volte l’illusione di una soluzione della questione, poi sempre rimasta aperta. Ma ora, dopo la sentenza del Tribunale di Salerno che permesso il pensionamento immediato a 42 insegnanti salernitani, e dopo la sentenza di oggi della Corte di Giustizia europea che ha sancito che la normativa italiana sui contratti di lavoro a tempo determinato nel settore della scuola è contraria al diritto dell'Unione.

Secondo la Corte, “Il rinnovo illimitato di tali contratti per soddisfare esigenze permanenti e durevoli delle scuole statali non è giustificato. La normativa italiana non prevede alcuna misura che limiti la durata massima totale dei contratti o il numero dei loro rinnovi e non prevede alcuna misura diretta a prevenire il ricorso abusivo a una successione di contratti di lavoro a tempo determinato”. Si dovrà dunque procedere all’assunzione dei 250mila precari della scuola cosa che potrebbe ancor di più facilitare il pensionamento dei 4mila di Quota 96.

Intanto continua l’iter di approvazione della Legge di Stabilità pronta ad approdare alla Camera mentre si discute ancora degli ultimi eventuali emendamenti che potrebbero modificarne l’ultima versione, da novità su partite iva e regime dei minimi, a nuovo Isee 2015 a nuovo bonus bebè.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il