BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni anzianità, donne,uomini riforma Governo Renzi: novità modifiche realizzaibili con coperture a sorpresa in Legge Stabilità

Fissato un tetto alle pensioni d'oro di dirigenti, magistrati e docenti universitari, ma solo dal prossimo anno. Via libera della commissione Bilancio.




Qualcosa sulla riforma pensioni Renzi inizia a muoversi. La dimostrazione arriva dalla correzione della legge Fornero sulle pensioni d'oro a cui la commissione Bilancio di Montecitorio ha dato il via libera. Si tratta di una novità dell'ultim'ora. Secondo le ultime notizie viene proposta la cancellazione - con un emendamento alla legge finanziaria - della norma che consente a dirigenti, magistrati e docenti universitari, di restare al lavoro oltre l'età delle pensione di anzianità maturando i requisiti per incassare un assegno superiore all'ultima retribuzione.

Secondo il nuovo testo, "l'importo complessivo del trattamento pensionistico non può eccedere quello che sarebbe stato liquidato" con le regole antecedenti all'entrata in vigore della legge Fornero. Prevista l'applicazione della misura solo dal 2015.

Nonostante sia stata bloccata per l'assenza di copertura economica, la proposta di legge elaborata dal presidente della Commissione lavoro della Camera, Cesare Damiano, continua a essere ritenuta un punto di riferimento per riformare le pensioni nel segno della flessibilità e senza incidere in maniera eccessiva sui conti dello Stato.

Secondo il disegno di legge è possibile andare in pensione tra i 62 e i 70 anni, con almeno 35 anni di contributi, con penalizzazione nell'età compresa tra i 62 e i 65 anni, e un incentivo tra i 67 e i 70 anni. Lo schema degli incentivi e delle penalizzazioni prevede nel caso di pensionamento effettivo a 62 anni l'applicazione della percentuale di riduzione pari all'8%. A 63 quella del -6%, a 64 anni del -4%, a 65 del 2%. A 66 anni, invece, non ci saranno bonus o malus. Dopodiché scatterebbero gli incentivi secondo questa tabella: a 67 anni +2%, a 68 anni +4%, a 69 anni +6%, a 70 anni.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il