BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Legge StabilitÓ: pensioni, riforma, fondi disabili, partita iva nuovi mini, Tfr anticipato, tasse. Voto tra sabato e domenica

La legge di stabilitÓ Ŕ ancora soggetta a modifiche per via dei tanti emendamenti approvati dalla commissione Bilancio. Ecco le ultime novitÓ.




Passa il tetto alle pensioni d'oro, ma a partire dal 2015. È una delle novità inserite della manovra in Commissione Bilancio alla Camera per la falla della legge Fornero è salvare gli assegni elargiti, modificando quelli dal 2015. Quali sono gli altri emendamenti alla legge di stabilità che passano al voto dell'Aula? Sono cancellate dal 2015 le penalizzazioni per chi va in pensione prima dei 62 anni con 42 anni e un mese di contributi nel caso degli uomini, o di 41 e 1 mese per le donne. Arrivano 45 milioni di euro per 45.000 famiglie con 4 o più figli e in povertà: ognuna riceverà 1.000 euro.

Aumenta la quota del fondo disabili da 250 a 400 milioni di euro per la non autosufficienza, parte dei quali verrà dirottata per lotta alla Sla. Previsti 100 milioni di euro nel 2015 al rilancio del piano di sviluppo degli asili. Altri 100 milioni di euro all'anno dal 2016 al 2020 daranno ossigeno per grandi progetti e manutenzioni nel campo dei beni culturali. Stanziati 5 milioni di euro all'anno nel 2015-2017 per contrastare le malattie infettive. Decreti, entro il 2015, su modalità per produzione e distribuzione dei farmaci anche in forma monodose. Niente più limiti di età per i titolari di farmacie private.

La legge di stabilità 2015 prevede anche la possibilità di avere in busta paga le quote maturande del Trattamento di fine rapporto. La possibilità viene concessa ai lavoratori del settore privato con almeno sei mesi anzianità in azienda. Una volta effettuata, la scelta è irrevocabile. Tanto per avere un'idea, nel caso di reddito pari a 20.000 euro annui l'importo mensile dovrebbe essere poco più di 90 euro netti. Le nuove soglie per il regime dei minimi delle partite IVA variano da un minimo di 15.000 euro a un massimo di 40.000 euro a seconda dell'attività svolta.

Ti Ŕ piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il