BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Vaccino antifluenzale 2014: cosa succede, chi rischia e sintomi dopo morti sospette. Cosa fare,pericolo per Fluad in varie regioni

Novità e ultime notizie vaccino influenzale 2014: chi rischia, quali sono i sintomi, e cosa succede dopo le morti sospette. I pericoli nelle diverse regioni d’Italia.




Novità e ultime notizie sul vaccino antinfluenzale 2014, il vaccino che dovrebbe “salvarci” dall’influenza e dai malanni stagionali ma che, stando ad alcune notizie recenti, sembra proprio che possa metterci a rischio, con sintomi piuttosto preoccupanti.

Ma quali sono i rischi del vaccino antinfluenzale? Chi rischia? Quali sono i sintomi?

Per dare delle risposte, dobbiamo ricordare che proprio in questi giorni l’Agenzia del Farmaco ha vietato la vendita di due lotti del vaccino antinfluenzale Fluad, dopo che si è verificata la morte sospetta di alcune persone a cui era stato somministrato: si tratta del lotto 142701 e  del lotto 143301, ed il vaccino antinfluenzale è il Fluad, prodotto dalla Novartis Vaccines and Diagnostics, distribuito solo in Italia.

Il pericolo riguarda soprattutto la Toscana, visto che sono circa 60 mila i pazienti toscani a cui è stato somministrato il vaccino poi ritirato dalle vendite, ma nessuna di queste dosi è stata utilizzata per vaccinare i bambini.

La Procura di Siena ha deciso di aprire un’inchiesta sulla vicenda, ma al momento, almeno secondo quanto si sa dalle fonti vicine alla Procura, non vi sono iscritti al registro degli indagati: si parla di evento avverso, ma sono ancora da stabilire le responsabilità.

Le altre regioni a rischio sono Molise, Puglia, e Sicilia: qui si sono verificati altri casi sospetti, di persone decedute subito dopo la somministrazione del vaccino.

Intanto, la Novartis risponde alle accuse, dichiarando di avere piena fiducia nella sicurezza ed efficacia dei vaccini anti-influenzali e di essersi già attivati verso una revisione preliminare dei lotti del vaccino, confermandone la qualità.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il