BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni anzianità, donne, vecchiaia riforma Governo Renzi: novità e interventi inserite in programma ufficiale. Poletti conferma

Novità pensioni e sistemi di uscita anticipata e flessibile a costo zero così come aumenti pensioni minime in programma per il prossimo 2015: governo Renzi a lavoro sulla previdenza?





Piani di uscita anticipata a costo zero, da prestito pensionistico, sistema contributivo per tutti, uscita anticipata a 62 anni con 35 anni di contributi o a quota 100, per cui sembra difficile che si discuta nella nuova Legge di Stabilità, nonostante gli auspici di tanti, potrebbero invece rientrare, secondo le ultime notizie, nei programmi di lavoro del governo Renzi per il prossimo anno. E tutte le novità finora rese note lasciano effettivamente pensare ciò.

Prima il ministro Boschi, smentendo misure per i pensionati nella Legge di Stabilità, aveva parlato di possibili interventi sulla previdenza il prossimo anno, anche in riferimento agli aumenti per le pensioni minime, annunciati per il 2015 o anche 2016, quando magari saranno disponibili maggiori risorse; poi il commissario dell’Inps, Tiziano Treu, aveva confermato l’impegno anche dell’Inps in interventi a sostegno di una maggiore flessibilità pensionistica, ma solo nel 2015.

Ed ora le ultimissime dichiarazioni del ministro del Lavoro, Giuliano Poletti, che ha spiegato come eventuali modifiche “della legge Fornero sulle pensioni per consentire una maggiore flessibilità in uscita dei lavoratori è in agenda ma non sarà affrontato a breve: non c'è nulla nella legge di stabilità e quindi ad ora non ci sono passaggi definiti. Il tema è in discussione e la questione è un problema reale ma dobbiamo trovare una modalità per affrontare questo passaggio. E ovviamente servono risorse”. Via libera di nuovo, dunque, a quelle ipotesi di uscita anticipata con prestito pensionistico,a quota 100. a 62 anni con 35 anni di contributi, o con sistema contributivo, a costo zero.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il