BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Legge Stabilità: pensioni, riforma, quota 96, disabili, social card, blocco stipendi statali, forze dell'ordine. Approvate misure

Oggi, domenica 30 novembre, la decisione finale sul testo della Legge di Stabilità alla Camera: misure e novità previste. Si auspicano ancora interventi su pensioni




AGGIORNAMENTO: Misure ufficiali approvate nella Legge di Stabilità 2014-2015 del Governo Renzi come pensioni e riforma, blocco stipendi statali rinnovo contratti Forze dell'ordine, social card riviste con Isee 2015 e aumento fondi disabili senza dimenticare bonus bebè e bonus 80 euro oltre Tfr anticipato e novità su tasse e detrazioni imprese e famiglie. Ecco i risultati e le novità del testo votato e approvato alla Camera domenica in questo articolo al seguente link diretto

Oggi, domenica 30 novembre, la decisione finale sul testo della Legge di Stabilità. Il testo passa poi al Senato. Diverse le misure previste, dalla cancellazione delle penalizzazioni per l’uscita anticipata dei precoci prima dei 62 anni, alla revisione delle pensioni per i lavoratori che sono stati esposti all’amianto, alla social card, del valore di 40 euro mensili che sarà erogata ogni due mesi, da dare anche ai cittadini extracomunitari; alla conferma del blocco degli stipendi nel 2015 per i dipendenti statali, a causa della mancanza di risorse necessarie come ribadito dal ministro Madia.

Ma non solo: nel 2015 saranno ridotte le risorse del Fondo famiglia per finanziare con maggiori risorse le non autosufficienze (il cui fondo sale a 400 milioni) e gli asili: i 100 milioni di euro stanziati nel 2015 vengono presi da qui infatti e non più dal fondo per le politiche sociali. Previste novità dal 2015 anche per il calcolo dell’Isee, mentre dovrebbe entrare in vigore anche un nuovo bonus da mille euro all'anno in buoni acquisto per le mamme che hanno almeno quattro figli e un reddito Isee inferiore a 8.500 euro; previste anche nuove misure per garantire la sospensione del pagamento di mutui e finanziamenti a famiglie e micro e piccole e medie imprese; una dote aggiuntiva di 200 milioni all'anno nel biennio 2015-2016 per gli ammortizzatori sociali.

E’ stato, inoltre, prorogato l’ecobonus al 65% per tutto il 2015 per l'efficienza energetica e per gli interventi antisismici. Tra le altre misure è stata anche estesa la reverse charge a ipermercati, supermercati e discount alimentari e ai 'pallets', cioè i bancali di legno.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il