BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni, quota 96, Imu Tasi scadenza saldo,amnistia, indulto, Sistri, Legge Stabilità: novità oggi martedì e ultimi giorni

Confermati i pagamenti di dicembre per saldi Imu e Tasi, ancora aperta discussione su misure di clemenza, mentre la Legge di Stabilità si avvia al Senato




Mentre si avvia a ricevere il primo voto ufficiale alla Camera la Legge di Stabilità che poi passerà al Senato, suscettibile di ulteriori modifiche che, si spera, puntino essenzialmente a nuovi interventi sulle pensioni, dopo l'approvazione degli emendamenti che prevedono modifiche alle pensioni per i lavoratori che sono stati esposti all'amianto e l'eliminazione dei disincentivi oggi previsti dalla legge Fornero per chi va in pensione prima dei 62 ani avendo maturato l'anzianità contributiva.

E si attendono modifiche per Isee 2015, regime dei minimi e partite Iva, via libera a misure per fondi per le disabilità, novità previste per il pagamento del canone Rai 2015, confermato il blocco degli stipendi per gli statali nel 2015, ad esclusione di militari e forze dell'ordine. Resta intanto aperto il dibattitto sulle misure di indulto e amnistia il cui esame dei quattro ddl continua in Commissione Giustizia.

E, alla luce dei tanti impegni previsti per il governo Renzi fino a fine anno, probabilmente il testo unificato che si attende arriverà solo il prossimo anno, mentre l'Italia resta comunque nel mirino dell'osservazione dell'Ue, visto che, nonostante la diminuzione del numero dei carcerati, continua l'emergenza del sovraffollamento.

Tutto confermato, invece, per il pagamento del saldo Imu e Tasi 2014 il prossimo 16 dicembre. Anche a dicembre pagano la Tasi tutti, proprietari e inquilini, sia di prime case che di tutti gli altri immobili; per quanto riguarda l’Imu, continuano a pagare solo e soltanto i proprietari di tutti gli immobili, ad eccezione delle abitazioni principali. Due le novità che riguardano, però, l’Imu: la prima riguarda l’estensione del pagamento anche ai terreni agricoli, che fino ad oggi non hanno pagato l’Imu. Gli unici terreni agricoli che continueranno a non pagare l’imposta sono quelli che si trovano in Comuni che sono oltre i 600 metri di altitudine.

Altra novità riguarda il ricalcolo della tassa che dovrà essere eseguito in alcuni Comuni che hanno deciso di modificare le aliquote di pagamento per questo 2014. Per conoscere le eventuali novità stabilite dal proprio Comune bisogna semplicemente consultare le delibere e vedere se c’è stata qualche variazione per le aliquote e quindi procedere all’eventuale ricalcolo per il pagamento del saldo che, in tal caso, risulterà diverso rispetto alla metà dell’acconto versato.

Ancora novità anche per il Sistri: è infatti ancora caos sull’entrata in vigore del nuovo sistema elettronico di tracciabilità dei rifiuti. Dovrebbe slittare ancora l’entrata in vigore delle sanzioni previste per chi non si è dotato del nuovo sistema di controllo. Si attende la decisione finale del Senato ad un emendamento che ha già ricevuto il via libera alla Camera e, considerando i problemi lamentati finora dagli operatori del settore e il malfunzionamento del sistema in diversi casi, è probabile la proroga venga confermata anche se le richieste sono quelle di abolizione totale del Sistri che potrebbe essere magari sostituito da un altro sistema di gestione e controllo ma più efficace.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il