BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Blocco stipendi dipendenti pubblici, statali, forze dell'ordine: novità settimana

Ribadito il blocco degli stipendi per gli statali nel 2015 e sindacati ricorrono alla Consulta: oggi sciopero generale dei lavoratori contro misure del governo




Prima annunciato e poi più volte confermato dallo stesso ministro Marianna Madia, il blocco degli stipendi per i dipendenti statali sta suscitando non pochi malcontenti e proteste, soprattutto perché il blocco è stato spiegato con la mancanza di risorse economiche necessarie che però sono state trovate solo ed esclusivamente per evitare tale blocco per militari e forze dell’ordine, creando così una sorta di discriminazione tra categorie di dipendenti pubblici. Per protestare contro la misura decisa dal governo, i sindacati hanno fatto ricorso alla Consulta, depositando al Tribunale di Roma ricorso sul blocco dei contratti nella pubblica amministrazione e sollevando la questione di legittimità costituzionale.

Secondo Giovanni Torluccio, Benedetto Attili ed Alberto Civica, rispettivamente segretari generali di Uil Fpl, Uilpa e Uil Ru, “La discriminazione e l’umiliazione a cui il Governo Renzi sta continuando a sottoporre il lavoro pubblico lo connotano come un cattivo padrone, che strumentalizza i servitori dello stato, li riduce a macchiette. A poco servono le parole rassicuranti della Ministra Marianna Madia che, al netto di un buonismo di facciata, non riesce ad avanzare proposte autonome e convincenti”.

Il blocco era stato introdotto quattro anni fa e «perpetrarlo significherà demotivare i lavoratori. e per evitare questo si è arrivati alla Corte Costituzionale, del resto, come spiegato dalla Cisl in una nota, ‘La Consulta in passato si è già pronunciata dichiarando l'ammissibilità di misure simili solo in chiave emergenziale e in modo circoscritto nel tempo. E comunque garantendo criteri di proporzionalità e ragionevolezza’. E proprio per protestare contro le misure del governo oggi, primo dicembre, è sciopero dei dipendenti del settore pubblico.  

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il