BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Imu Terreni agricoli e non 2014: proroga ufficiale sembra quasi decisa dopo decreto ufficiale. Sono giorni decisivi

Arrivato il decreto ufficiale per l'imu 2014 sui terreni agricoli e non. Così come la lista dei comuni ufficiali. Si cerca, comunque, proroga.




AGGIORNAMENTO:  Importanti novità e ultime notizie ad oggi giovedì 4 Dicembre 2014. Come avevamo annunciato, la proroga per l'Imu 2014 su terreni agricoli e non, sembra davvero in arrivo nella Legge di Stabilità o con un decreto ad hoc. Oggi, giovedì 4 Dicembre 2014, si dovrebbe avere la conferma in una audizione in parlamento di Baretta.
Il pagamento dovrebbe essere prorogato a Giugno 2015 e modificata anche le regole e le esenzioni

AGGIORNAMENTO: Il Mef ha comunicato che il decreto è stato pubblicato ieri 1 Dicembre ufficiale sull'Imu sui terreni 2014 agricoli e non con scadenza 16 Dicembre 2014. La lista dei Comuni, il piunto di riferimento per l'altitudine è l'elenco ufficiale ISTA che si trova qui.
Diversi politici, associazioni e consumi si sono comunque attivati per una proroga o una modifica del decreto, visti i tempi brevi per il pagamento e i tanti problemi da risolvere come la non presenza nei software di calcolo dell'Imu a cui deve arrivare ancora aggiornamento.

Il prossimo 16 dicembre sarà il giorno dei pagamenti dei saldi Imu e Tasi 2014 e quest’anno, per la prima volta, si pagherà anche l’Imu sui terreni agricoli ma, come spesso accade con le novità, sono sorti diversi problemi in merito, perché manca ancora il decreto del Mef cui spetta la definizione di nuove regole e modalità di calcolo.

Al momento si sa che gli unici terreni agricoli che continueranno ad essere del tutto esenti dal pagamento Imu 2014 sono quelli situati in Comuni che si trovano ad oltre 600 metri di altitudine. Nell’attesa del decreto ufficiale, c’è chi chiede una proroga del nuovo pagamento e chi invece pensa che la soluzione migliore sia pagare un acconto per il mese di dicembre per poi versare il saldo nel 2015 quando saranno state rese note le novità necessarie.

Intanto domenica scorsa la Camera ha approvato un odg che invita il governo a considerare le caratteristiche dei territori agricoli montani adeguando gli indici e i criteri per l’individuazione dei Comuni in cui i terreni continueranno ad esenti dall’Imu. Come spiegato dal deputato Enzo Lattuca, uno dei firmatari dell’odg, “Abbiamo richiesto che si applichino i criteri già previsti dall’art. n.1 della legge n.991 del 1992, che individuava come comuni montani i comuni situati per almeno l'80% della loro superficie al di sopra di 600 metri di altitudine sul livello del mare e quelli nei quali il dislivello tra la quota altimetrica inferiore e la superiore del territorio comunale non è minore di 600 metri”.

Secondo Lattuca, “Si tratta di un criterio che consentirebbe una più puntuale e obiettiva valutazione dei requisiti per l’esenzione e, inoltre, ridurrebbe il pericolo di contenziosi”. Considerando, tuttavia, che manca ancora poco alla scadenza dei pagamenti e che si attendono ancora novità ufficiali dal Mef, approda in Parlamento una richiesta di proroga di versamento Imu sui terreni, richiesta che arriva anche dalle associazioni dei professionisti abilitati che si ritroveranno sommersi di calcoli da eseguire in pochissimo tempo.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il