Amnistia e indulto: misure e novità ufficiali in decreto semplificazioni Governo Renzi.Cosa cambia per non punibilità reati minori

Via libera in CdM alla non punibilità per i reati lievi: cosa prevede la nuova norma mentre si attendono risposte sulle misure di indulto e amnistia

Amnistia e indulto: misure e novità uffi


Ieri, lunedì primo dicembre, è arrivato il via libera in Consiglio dei Ministri alla non punibilità per i reati lievi ma è stata rinviata la riforma del processo civile, insieme ai provvedimenti sulla prescrizione. E si discute ancora delle misure di indulto e amnistia da ‘riassumere’ nel testo unico dei quattro ddl sulle misure di clemenza. Il nuovo decreto approvato sulla ‘tenuità del fatto’ prevede, dunque, la non punibilità dei reati più lievi, vale a dire quelli per cui oggi è prevista una pena detentiva non superiore a 5 anni, e una pena pecuniaria sola o congiunta alla precedente.

Secondo quanto spiegato, ‘la riforma trae origine dal riconoscimento dell'inadeguatezza dell'attuale sistema normativo di assistenza giudiziaria, a fronte di una criminalità, specie quella organizzata, che ha esteso il raggio di azione ben oltre i confini del territorio di un singolo Stato, anche sfruttando tutte le opportunità offerte dalla globalizzazione dei mercati e dalle nuove tecnologie di comunicazione e di gestione dell'informazione’.

Inoltre, ‘L'obiettivo del presente intervento normativo risulta, pertanto, essere quello di semplificare e velocizzare le procedure di assistenza giudiziaria (rogatorie) e di estradizione. Le modifiche consentiranno una maggiore cooperazione giudiziaria penale tra gli Stati e, di conseguenza, rafforzeranno gli strumenti di prevenzione e repressione dei fenomeni criminali di dimensioni sovranazionali, potenziando, conseguentemente, la fiducia reciproca nei rispettivi sistemi di giustizia’.

Ti è piaciuto questo articolo?





Vuoi rimanere aggiornato su argomenti simili?

Inserisci la tua email qui:

Accetto la Privacy Policy

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione



Commenta la notizia
di Chiara Compagnucci pubblicato il