BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Imu e Tasi 2014: chi e come per seconda rata e saldo dicembre deve rifare calcolo. Come pagare meno rispetto ad acconto

Si paga in tutte le città il saldo Imu e Tasi 2014: i metodi per pagare meno le imposte sulla casa e regole da seguire. Cosa fare?




Si paga in tutte le città, da Milano a Roma, da Torino a Bologna, Firenze, Catania, Palermo, Bari, Cagliari, Perugia, Bergamo, Bolzano, Agrigento, Grosseto, Taranto, Lecce il saldo di Imu e Tasi 2014 in programma per il prossimo 16 dicembre. Pagano tutti per la Tasi, esattamente come per l’acconto, sia proprietari che inquilini e di tutti gli immobili; mentre per l’Imu pagano solo i proprietari e ne sono escluse le abitazioni principali e le relative pertinenze. In molte città poi bisognerà procedere al ricalcolo delle imposte perché alcuni Comuni hanno deciso di modificare le aliquote di pagamento per cui bisognerà effettuare nuovamente il calcolo e pagare un saldo che potrebbe essere anche più salato di quanto previsto.

Per procedere al ricalcolo delle imposte della casa si può usare il seguente simulatore online http://www.webmasterpoint.org/servizio/calcolo-iuc-imu-tasi-tari/prima-casa/che permette di sapere quanto si dovrà pagare sia di Imu che di Tasi e ci sono anche strade da seguire per poter pagare meno di tasse sulla casa. Invece di passare alle soluzioni estreme, come quelle di vendita della seconda o terza casa, si potrebbe pensare al cosiddetto riallineamento delle proprietà, intestando magari un’abitazione al proprio figlio.

Per pagare meno crescono poi i finti separati, coniugi che dichiarano di vivere in due diverse residenze, considerate entrambe abitazioni principali in modo da alleggerire il carico fiscale da pagare; ma per evitare di pagare tanto di può procedere all’accatastamento degli edifici diroccati come unità ‘collabenti’, immobili che non hanno una rendita catastale e permettono di non pagare le tasse su alcuni immobili inutilizzati. Tra gli altri escamotage possibili, quella di richiedere l'inagibilità dell'immobile, che riduce il valore della base imponibile di Imu e Tasi ma per cui bisogna tenere in considerazione le regole locali.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il