Sistri: novità e ultime notizie proroga. Ancora nulla, neppure un cenno in Legge Stabilità e decreto semplificazione

Si attendono ancora proroghe ufficiali delle sanzioni Sistri. Continuano le proteste. La situazione attuale sul sistema di tracciabilità dei rifiuti

Sistri: novità e ultime notizie proroga.


Si attende ancora la proroga ufficiale delle sanzioni, dovrebbe entrare in vigore da gennaio il Sistri. Intanto, i lavoratori della Selex Service Management hanno scioperato 4 ore per uno sciopero proclamato da Fim Cisl di Roma e Lazio, proprio a causa dell’incertezza totale sul loro futuro dopo che l’azienda ha comunicato al ministero dell’Ambiente di non voler proseguire oltre nella gestione del sistema di tracciabilità dei rifiuti.

E continuano le battaglie tra chi vuole cancellare completamente il sistema di tracciabilità sui rifiuti, proprio a causa dell’inaffidabilità ancora del suo funzionamento. Tra questi, Assotrasporti, impegnata nella campagna #StopSistri. Come riportato in una nota, ‘L’auspicio di Assotrasporti, che sin dall’inizio partecipa con spirito propositivo ai tavoli Sistri, è il blocco totale del sistema attuale per ripartire con una nuova struttura, meno costosa ma più moderna ed efficace. Il rischio infatti è che venga predisposto un bando di gara progettato ad hoc per far ricomparire soggetti noti’.

Sin dal suo esordio, il Sistri ha già subito diverse proroghe, modifiche e slittamenti, modifiche. Il vicepresidente di Confindustria per la Semplificazione e l’Ambiente, Gaetano Maccaferri, ha diverse volte sottolineato che il sistema “è inefficace, superato, costoso e difficile da usare e senza chiarimenti ministeriali, le necessarie modifiche normative, le semplificazioni annunciate a più riprese, non si capisce come si possano imporre le sanzioni dal primo gennaio 2015”. E per rendere più funzionale il sistema chiede interventi immediati.

Ti è piaciuto questo articolo?





Vuoi rimanere aggiornato su argomenti simili?

Inserisci la tua email qui:

Accetto la Privacy Policy

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione



Commenta la notizia
di Chiara Compagnucci pubblicato il