BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni anzianità,donne,vecchiaia riforma Governo Renzi: novità prestito,quota 100,Mini pensione dopo contributivo,penalizzazioni

Dopo cancellazione penalizzazioni per prepensionamenti precoci e approvazione proroga opzione donna attese ancora novità pensioni. Ma quando arriveranno?




Eliminate le penalizzazioni per chi va in pensione prima dei 62 anni avendo raggiunto i 35 anni di contributi, novità che varrà per coloro che matureranno l’anzianità contributiva entro il 31 dicembre 2017; e approvata la proroga dell’opzione contributivo per l’uscita anticipata delle donne, valida fino al 31 dicembre 2015, restano ancora da definire altri sistemi di uscita anticipata e flessibile per tutti. Nonostante le misure dette approvate, ma per cui manca ancora l’ufficialità, si tratta di novità circoscritte solo a determinate categorie di lavoratori.

Ne sono esclusi tutti gli altri per cui sono state comunque richieste in questi mesi possibilità di uscite anticipate. Ma probabilmente queste prime novità rappresentano primi passi verso altri cambiamenti che, se prima erano già considerati importanti, si stanno rendendo sempre più necessari alla luce del consenso che sta riscuotendo il referendum indetto dalla Lega e che punta alla totale cancellazione della legge Fornero.

Al vaglio diverse opzioni, dal prestito previdenziale, già avanzato dall’ex ministro del Lavoro Giovannini e poi riproposto dal ministro Poletti, che permetterebbe l’uscita anticipata qualche anno prima rispetto ai 66 anni richiesti attualmente con un anticipo sulla pensione finale da restituire, una volta maturati i requisiti normali, con piccole trattenute sulla pensione finale.

In ballo anche la possibilità di uscita a quota 100, che sarebbe il risultato di età anagrafica ed età contributiva. Tutto dunque è ancora aperto, tutto forse anche possibile per evitare che il referendum della Lega cancelli del tutto la legge Fornero e con essa gli 80 miliardi di euro di risparmi che è capace di assicurare fino al 2021. Ma, come anticipato da diversi esponenti politici, per eventuali discussioni in merito bisognerà probabilmente aspettare ormai l’anno prossimo. Difficile che questi interventi vengano inseriti ancora nella Legge di Stabilità.

I migliori Prestiti personali senza busta paga e finanziamenti DICEMBRE 2016. In questo articolo proponiamo i migliori finanziamenti senza bisogno di presentare la busta paga e senza garanzie, ma anche prestiti personali, finanziamenti per attività e liberi professionisti con bassi tassi d'interesse.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il