BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni uomini, anzianità, donne riforma Governo Renzi: novità calcolo INPS assegno, età, contributi con busta arancione

Tutto pronto per l'introduzione della busta arancione con cui conoscere il proprio futuro previdenziale. Al via la sperimentazione su 10.000 futuri pensionati.




La riforma delle pensioni passa anche dalla busta arancione. Si tratta della novità dell'ultim'ora con cui ciascun lavoratore può conoscere la propria posizione previdenziale e, se necessario, intervenire con strumenti complementari. Le ultime notizie riferiscono dell'intenzione dell'Inps di iniziare in maniera piuttosto morbida ovvero avviare una fase di sperimentazione su 10.000 persone. Saranno coinvolti solo coloro che hanno versato tutti i contributi al principale ente di previdenza italiana, il cui percorso professionale è piuttosto lineare e che dunque si trovano a un passo dal congedo.

Solo dopo aver testato tempi, modi e funzionamento, allora si passerà all'estensione a tutti i futuri pensionati. Il nome arancione deriva dal colore della busta che, già da tempo, viene regolarmente spedita in altri paesi europei, fra cui la Svezia. La procedura si svolgerà online. Grazie al PIN che l'Istituto di previdenza creerà e consegnerà a ciascun lavoratore, si avrà accesso all'estratto conto allo stato attuale, alla proiezione dei contributi mancanti per il ritiro, allo scenario macroeconomico sulla base dei dati aggiornati forniti della Ragioneria di Stato.

E se c'è un motivo per cui fino a questo momento la novità non è stata introdotta, non va cercata solo nell'impegno economico richiesto dallo Stato. Ma - è stato sempre sussurrato - dall'impatto emotivo che la conoscenza dei veri dati sulla situazione previdenziale può avere su ciascun lavoratore (o disoccupato).

Occorre fare due precisazioni: lo strumento della busta arancione è stato previsto dalla riforma Dini del 1995. Nonostante la sua mancata implementazione, ci sono strumenti alternativi, da utilizzare in autonomia o con l'ausilio di esperti della materia, per conoscere la propria posizione.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il