BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Tasi e Imu 2014: saldo e seconda rata quando è diversa da prima. Spiegazioni, istruzioni, calcolo e pagamento

Il 16 dicembre si paga la seconda e ultima rata delle imposte sulle casa Imu e Tasi 2014: in alcuni Comuni pagamenti diversi per saldo. Il motivo




E’ corsa per il calcolo dei saldi di Imu e Tasi 2014 e in questi giorni iniziano ad essere presi d’assalto commercialisti, Caf e professionisti abilitati. Ma i calcoli si possono eseguire servendosi semplicemente di calcolatori online, come http://www.webmasterpoint.org/servizio/calcolo-iuc-imu-tasi-tari/prima-casa/, che in pochi secondi e in pochi semplici click consentono al contribuente di sapere quanto dovrà pagare di saldo delle imposte sulla casa. Solitamente si versa in saldo la metà di quanto resta dopo il pagamento dell’acconto, ma c’è un appunto da fare.

Il 16 dicembre bisognerà procedere ad un nuovo calcolo in quei Comuni che hanno deciso di cambiare le aliquote di pagamento 2014 sull’Imu. Solitamente, infatti, questa imposta si paga a giugno sulle aliquote dell’anno precedente mentre per il saldo molte città le hanno modificate e in questi casi bisogna procedere ad un ricalcolo della tassa che potrebbe essere più salata rispetto alle stime di pagamento dopo l’acconto. Diversi i Comuni, come Bologna, che hanno invece già modificato le aliquote di pagamento Tasi per il 2015. E per esempio nel capoluogo romagnolo sale l’aliquota sulle prime case dal 3,3 per mille al 4,3.

Detto questo, è chiaro che l’importo da versare per la seconda rata sarà diverso solo nei Comuni che avranno modificato già le aliquote di pagamento, mentre in tutti gli altri si pagherà il saldo che era stato preventivato dopo il pagamento dei primi acconti. Per  verificare se il proprio Comune ha modificato l’aliquota di pagamento, basterà solo consultare la delibera in riferimento al Comune in cui si risiede riportata sul sito del Mef e procede all’eventuale nuovo calcolo che seguirà le stesse modalità di calcolo dell’acconto, sia per Imu che per Tasi.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il