BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni Governo Renzi riforma ultime notizie: per chi, quando e cosa cambia calcolo, regole tra modifiche ufficiali e provvisorie

Prime novità pensioni approvate e in attesa di conferme: sono circoscritte a determinate categorie di lavoratori ma primo passo verso modifica riforma Fornero




Dopo il primo voto alla Camera, la Legge di Stabilità si avvia a ricevere il voto in Senato e si attendono conferme soprattutto per quanto riguarda la questione pensioni, viste le ultime novità approvate e le ultime notizie riportate dalla circolare Inps sulla proroga del sistema contributivo donna fino alla fine del 2015. L’attesa cresce anche se le novità previste sono circoscritte solo a determinate categorie di lavoratori, vale a dire precoci, per cui è stata approvata la cancellazione dei disincentivi previsti attualmente se si va in pensione prima dei 62 anni; lavoratori esposti all’amianto durante la loro vita lavorativa; ma anche le donne che potranno ancora usufruire per un altro anno intero dell’opzione contributiva.

Questa prevede la possibilità di uscita anticipata a 57 anni per le lavoratici dipendenti e a 58 per le autonome con 35 anni di contributi accettando di percepire una pensione esclusivamente calcolata con sistema contributivo, appunto, e non retributivo, dunque, un assegno ridotto che dovrebbe essere tagliato di circa il 20%. Si tratta di novità approvate, le prima nella Legge di stabilità, la seconda dall’Inps ma per cui mancano le conferme ufficiali che dovrebbero arrivare con secondo voto in Senato e parere del Mef, rispettivamente.

Sono comunque novità interessanti che, seppur circoscritte, potrebbero aprire la strada ad ulteriori interventi sull’attuale riforma Fornero e un ulteriore spiraglio si apre per i Quota 96 dopo l’approvazione dell’odg alla Camera che impegna il governo a risolvere la situazione dei lavoratori rimasti bloccati a lavoro dalle norme pensionistiche Fornero ma che hanno maturato i loro requisiti di uscita oltre due anni fa.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il