BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni donne, vecchiaia, uomini riforma: novità dichiarazioni Renzi per la prima volta ufficiali e chiare su previdenza

Le novità pensioni approvate e la necessità di ulteriori interventi che, però, potrebbero arrivare il prossimo anno: la situazione attuale




Si continua a dibattere della questione pensioni, le ultime notizie sembrano positive, novità, buone, confermate dallo stesso premier Renzi ma su cui la Lega ed altre forze politiche continuano a battagliare. Mentre infatti parte del governo si ritiene soddisfatto per l’approvazione delle cancellazioni delle penalizzazioni per chi va in pensione prima dei 62 anni e del nuovo tetto alle pensioni cosiddette d’oro, altri auspicano ancora interventi su altre questioni rimaste irrisolte ma diventate talmente urgenti che meritano ormai una soluzione.

Stiamo parlando degli interessati alla cosiddetta quota 96, 4mila lavoratori della scuola, tra insegnanti e personale Ata, che hanno maturato i requisiti per accedere alla pensione quasi tre anni fa ma che sono ancora a lavoro, bloccati dalle norme della riforme pensioni Fornero. Più volte il governo ha ‘illuso’ questi lavoratori facendo loro pensare alla possibilità di una imminente soluzione che, però, tarda ancora ad arrivare. Ma ora la Camera con un odg ha impegno il governo a chiudere la questione e vedremo cosa potrà ancora cambiare fino alla fine dell’anno. Sempre che si possa.

E stiamo parlando anche del caso esodati, lavoratori che da tantissimo tempo attendono quella soluzione strutturale annunciata dal ministro del Lavoro Poletti, e a più riprese, ma che mai è stata ufficialmente accennata né presentata. Sono diventate emergenze sociali che meritano di essere risolte per aiutare i lavoratori coinvolti che vivono in grosse condizioni di disagio.

Non ci sarà forse il tempo fino a Natale di lavorare su ulteriori questioni ma, come hanno annunciato Poletti ma anche commissario Inps Treu, ministro Boschi e Madia, e confermato dallo stesso presidente del Consiglio, ulteriori interventi sulle pensioni potranno arrivare il prossimo anno, quando forse, al contrario di quanto oggi sostiene il ministro dell’Economia Padoan, i tempi in Italia saranno abbastanza maturi per abbassare l’età pensionabile di tutti e alzare le pensioni minime.  

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il