BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Imu 2014 e Tasi: calcolo saldo e seconda rata aliquote, codici f24, detrazioni. Differenze,cosa cambia rispetto acconto,prima rata

Come calcolare e pagare la seconda rata di dicembre di Imu e Tasi 2014: quando procedere al ricalcolo Imu e come compilare F24




Tempi di pagamento della seconda rata di Imu e Tasi 2014: ad appena due mesi dall’ultimo versamento dell’acconto Tasi di ottobre, scadenza valida per i Comuni ritardatari che non avevano stabilito le nuove aliquote di pagamento per il 2014, ecco che torna a parlare di calcoli sulle tasse per la casa. Le regole restano, più o meno le stesse: l’Imu si paga su tutti gli immobili ad eccezione di abitazioni principali e pagano solo i proprietari, mentre la Tasi si paga su tutti gli immobili, comprese le prime abitazioni, e pagano, come per gli acconti, sia proprietari che inquilini.

Le differenze riguardano le aliquote applicate ai due tributi e su cui serve fare ora una precisazione: nel caso dell’Imu sarà bene consultare, prima di procedere al calcolo dell’imposta, le delibere dei propri Comuni di residenza, perché alcuni hanno modificato le proprie aliquote rispetto a quelle usate per il calcolo dell’acconto. E in molti casi questo cambiamento si traduce in pagamenti più alti dei saldi rispetto a quanto previsto dopo l’acconto.

Per capire se le aliquote nel proprio Comune sono state modificate o meno, basta solo consultare il sito del Mef che riporta Comune per Comune tutte le delibere con le aliquote comunali di Imu e Tasi. Una volta capito se c’è stato qualche cambiamento o meno, si potrà procedere al calcolo che seguirà, anche per il saldo, le stesse modalità di calcolo dell’acconto, partendo dalla rendita catastale rivalutata del 5%, moltiplicato il risultato per il coefficiente dell’immobile e quindi applicando a tale valore le aliquote decise.

Diverse, chiaramente, le aliquote fissate per Imu e Tasi. conosciuto l’importo delle imposte da versare, si potrà procedere al pagamento o con bollettino postale, disponibile in tutti gli uffici postali, o tramite modello F24 che, rispetto alla compilazione degli acconti, cambierà solo nella parte finale dove al posto di barrare la casella ‘Acc’ (acconto) bisognerà barrare la casella del saldo. Inoltre, dovranno essere riportati i giusti codici tributo, che per la Tasi sono 3958 su abitazione principale, 3959 su fabbricati rurali, 3960 per le aree fabbricabili, 3961 per altri fabbricati; e per l’Imu sono 3913 su fabbricati rurali, 3914 sui terreni, 3916 sulle aree fabbricabili, e 3918 sugli altri fabbricati.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il