BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni vecchiaia, uomini, anzianità riforma Governo Renzi: legge nascosta con favoritismi trovata da Movimento 5 Stelle

Fra novità e ultime notizie sulla riforma pensioni Renzi, ecco che è ripresa la battaglia per la cancellazione della ben nota legge Mosca.




Da 40 anni è in vigore la legge Mosca: si tratta di un insieme di disposizione con cui dipendenti di movimenti cooperativi, partiti politici, patronati e sindacati possono andare in pensione con un regime contributivo agevolato. Sono circa 35.000 le persone che hanno usufruito delle regole che prendono il nome dall'ex sindacalista della Cgil. Conti alla mano, per lo Stato si è trattato di una spesa di 12,5 miliardi di euro. La riforma pensioni passa anche da qui ovvero dal ripensamento di una legge che crea un evidente disparità di trattamento in un periodo di crisi economica come quello attuale.

A chiedere la cancellazione della legge Mosca è ora il Movimento 5 Stelle. Sì, perché stando a quanto si legge nella relazione di illustrazione della proposta, la legge può ancora "produrre effetti nei confronti dei lavoratori che abbiano fatto domanda di regolarizzazione entro il termine fissato da ultimo dalla legge del 1979 e non abbiano ancora avuto accesso al pensionamento". L'impatto rispetto al passato è ovviamente ridotto, ma è diventata quasi una questione di principio: "Una legge che nel tempo si riveli illegittima non può e non deve restare vigente nel nostro ordinamento".

A proposito di pensioni, c'è poi chi suggerisce l'applicazione del sistema di calcolo con il metodo contributivo anche per i lavoratori in attività e non solo per le donne, rispetto alle quali l'Inps sta ricordando che il termine per presentare la domanda di pensione di anzianità è quello previsto dalle consuete disposizioni vigenti nelle singole gestioni. Rimane però il dubbio: la data del 31 dicembre 2015 deve essere intesa come termine per maturare i requisiti o per la decorrenza della pensione a causa dell'applicazione della cosiddetta finestra mobile?

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il