BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni donne, vechciaia, uomini riforma Governo Renzi: novità prestito, contributivo, no penalizzazioni, quota 100 in Senato

Le ultime notizie sulla riforma pensioni Renzi passano dalla discussione e dall'approvazione di due emendamenti correttivi della legge Fornero.




Qualche novità sul tema della riforma delle pensioni arriverà con la legge di stabilità. In ballo ci sono due emendamenti correttivi delle regole attuali: la cancellazione delle penalizzazioni per chi si ritira prima dei 62 anni pur avendo 42 anni e 1 mese di contributi nel caso degli uomini o 41 e 1 mese nel caso delle donne, e la fissazione di un tetto agli assegni d'oro.

Fra le proposte rimandate a tempi migliori c'è quella ponte previdenziale avanzata dal ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali Giuliano Poletti. Si tratta della rivisitazione del prestito immaginato dal suo predecessore con cui dare al lavoratore over 50 rimasto senza occupazione di andare in pensione con un sostegno economico da parte di Stato e aziende, da restituire in seguito in piccole somme e senza interessi.

Sono poi in tanti a dirsi favorevole all'introduzione di quota 100 come somma di età anagrafica e anni di contribuzione. Così come il fronte di chi auspica l'allargamento a tutti i lavoratori del sistema di calcolo dell'assegno con il metodo contributivo è sempre molto nutrito.

Ecco poi il pensionamento a 62 anni di età con 35 anni di contributi ipotizzato da Cesare Damiano, presidente della commissione Lavoro della Camera dei deputati. Stando al disegno di legge più volte presentato e sempre puntualmente restituito al mittente, l'anticipo del congedo o il ritardo di qualche anno verrebbe filtrato attraverso una tabella di incentivi e disincentivi. In questo contesto si resta in attesa del parere del Ministero del Lavoro sulla cosiddetta opzione donna ovvero l'opportunità concessa alle sole lavoratrici di uscire anticipatamente optando per il sistema contributivo: la data del 31 dicembre 2015 deve essere intesa come termine per maturare i requisiti o per la decorrenza della pensione?

I migliori Prestiti personali senza busta paga e finanziamenti DICEMBRE 2016. In questo articolo proponiamo i migliori finanziamenti senza bisogno di presentare la busta paga e senza garanzie, ma anche prestiti personali, finanziamenti per attività e liberi professionisti con bassi tassi d'interesse.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il