BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni Governo Renzi riforma ultime notizie: interventi nuovi Padoan, Inps, Treu, Poletti, Damiano, Salvini, Lega, Berlusconi

In attesa del secondo voto alla Legge di Stabilità in Senato, è sempre più aperto il dibattito pensioni: le diverse posizioni sul tema




In attesa del secondo voto alla Legge di Stabilità in Senato, è sempre più aperto il dibattito pensioni e le ultime notizie ci raccontano le nuove dichiarazioni di Silvio Berlusconi, che in un’intervista all’Huffington Post, come aveva già fatto nel week-end durante il suo comizio e ancora prima nella lettera aperta ai pensionati italiani, torna a fare nuove promesse sulle pensioni, spiegando che, se di nuovo in campo, la prima cosa da fare sarà occuparsi degli anziani, perché, secondo l’ex premier, non si può vivere dignitosamente con meno di 1000 euro al mese, per cui primo obiettivo sarà quello di aumentare le pensioni minime, portandole tutte a mille euro. Solo attraverso questa novità si potrà innescare una ripresa dei consumi e, di conseguenza, dell’economia in generale.

Ma del resto, di questo rapporto di causa-effetto tra aumento delle pensioni più basse e ripresa dei consumi, aveva già parlato il premier Renzi che, attraverso i primi provvedimenti sulla riforma pensioni già passati alla Camera con il primo voto alla Legge di Stabilità, sta chiaramente dimostrando la volontà di intervenire sul sistema pensionistico attuale, modificandone alcune parti per migliorarlo ma, soprattutto, per evitare che si arrivi davvero al voto sul referendum abrogativo della riforma pensioni Fornero indetto dalla Lega. E i suoi piani sarebbero, a prescindere dai sistemi di uscita anticipata, anche quelli di intervenire su pensioni di invalidità e reversibilità, su baby pensioni e pensioni integrative.

Ma questi piani di cambiamento si scontrano con il proposito della Lega di voler completamente cancellare la legge pensionistica attuale che, come ben noto, ha creato non pochi problemi (da esodati a quota 96 della scuola) penalizzando tutti i lavoratori. Una sua cancellazione significherebbe innanzitutto chiudere i casi esodati e quota 96 ma anche permettere a tutti il pensionamento con le vecchie norme. Salvini continua a difendere il ‘suo’ referendum mentre Renzi risponde spiegando che, con l’approvazione dell’abolizione delle penalizzazioni per chi va in pensione prima dei 62 anni, seppur possibilità circoscritta solo ai precoci e con l’introduzione del tetto alle pensioni d’oro, si stanno già facendo passi avanti verso cambiamenti.

E Cesare Damiano spinge ancora perché in Senato si continui, però, a discutere di ulteriori modifiche che possano garantire un’uscita anticipata e maggiore flessibilità per tutti. Intanto, il segretario della Cisl, Annamaria Furlan, ha ribadito quanto importante sia continuare ad agire sulla riforma pensioni Fornero, con modifiche a sostegno di lavoratori e pensioni, mentre maggiore flessibilità per tutti continua ad essere auspicata dal commissario Inps Treu che ha emesso la circolare numero 9304 del 2 dicembre 2014 per la proroga dei termini dell’opzione contributiva donna.

Dalla parte di una maggiore flessibilità in uscita per tutti anche il ministro del Lavoro Poletti che, dopo aver dichiarato la scorsa settimana, che si tornerà a lavoro sulle pensioni il prossimo anno, è tornato a ribadire la necessità di trovare una modalità e risorse per chiudere le partite più importanti. Ma evidentemente contrario ad interventi sulla legge pensionistica attuale il Mef.

Diverse volte il ministro dell’Economia Padoan ha infatti ribadito la sua contrarietà all’abbassamento dell’età pensionabile così come anche all’eliminazione delle penalizzazioni per uscite anticipate. Motivo per cui si teme che in Senato possano ancora arrivare brutte sorprese. Per quanto riguarda i tempi di voto, ricordiamo che il termine di presentazione degli emendamenti dovrebbe essere fissato fra il 9 e il 10, mentre le votazioni dovrebbero cominciare giovedì 11 dicembre.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il