BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Tasi, Imu 2014: abitazione principale, terreni agricoli e non,pertinenze.Calcolo e pagamento seconda rata quando cambia da acconto

Novità del versamento saldo Imu 2014 e come fare per la Tasi: chi paga e quanto si paga se stabilite aliquote differenti




Il nuovo termine di pagamento di Imu e Tasi 2014 è in programma il prossimo 16 dicembre quando i contribuenti italiani, tutti, saranno chiamati a versare il saldo. Pagano coloro che hanno versato gli acconti e anche coloro che non hanno pagato l’acconto Tasi né a giugno né ad ottobre e che dovranno ora pagare la tassa calcolandola sull’aliquota base dell’1 per mille e versando il tutto in un’unica soluzione. Mentre la Tasi, esattamente come per gli acconti, si paga su abitazioni principali e pertinenze, seconde case, terreni e immobili commerciali, e deve essere versata sia dai proprietari sia dagli inquilini, cui spetterà di nuovo il pagamento di una percentuale compresa tra il 10 e il 30% dell’importo totale, l’Imu spetta solo ai proprietari e ne sono esenti prime case e relative pertinenze.

Solitamente il pagamento del saldo avviene versando la somma rimanente dopo il versamento dell’acconto ma in alcuni Comuni non sarà così, giacchè sono state modificate le aliquote di pagamento Imu 2014, motivo per il quale i cittadini dovranno interamente ricalcolare la tassa sull’immobile versare quanto dovuto il 16 dicembre. Probabilmente, secondo le previsioni, così facendo il conto del saldo sarà più salato di quanto versato in acconto. Tutto, invece, secondo quanto previsto se consultando le delibere del proprio Comune non si noterà alcun cambiamento delle aliquote.

Per consultarle basta entrare nel sito del Mef. Una volta controllato, si potrà procedere al calcolo seguendo esattamente le stesse modalità già seguite per i calcoli degli acconti sia di Imu che di Tasi oppure ci si potrà servire del simulatore online http://www.webmasterpoint.org/servizio/calcolo-iuc-imu-tasi-tari/prima-casa/, decisamente rapido e semplice da usare.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il