BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Tasi, Imu: Milano, Napoli, Torino calcolo e pagamento seconda rata e saldo seconda casa. prima casa, casa in affitto inquilini

Si paga il 16 dicembre il saldo Imu e Tasi 2014 a Milano, Torino e Napoli. Aliquote e calcolo da effettuare per pagamento dicembre




Milano, Torino, Napoli e tutte le altre città di Italia sono chiamate al versamento dei saldi di Imu e Tasi il prossimo 16 dicembre ed ecco che lunghe file ai Caf preannunciano nuovo caos, soprattutto nei Comuni dove sono state modificate le aliquote di pagamento Imu 2014 per il calcolo del saldo rispetto a quelle usate per il calcolo degli acconti. Si tratta però di modifiche che non interessano le grandi città in cui si verserà il saldo per la parte risultante dopo il pagamento del saldo. L’Imu e Milano, Torino e Napoli seguirà., dunque, le stesse modalità di calcolo e pagamento dell’acconto, sarà versata soltanto da tutti i proprietari di tutti gli immobili ad eccezione di prime abitazioni e relative pertinenze.   

Nessuna novità anche nel caso della Tasi (dovuta anche sulle prime case) che a Milano manterrà l’aliquota al 2,5 per mille sulle prime case e all’11,4 per mille su seconde case e tutti gli immobili commerciali, da negozi, a terreni, uffici, capannoni, aziende, fabbricati rurali. Sempre stabilite per le prime case le detrazioni già previste, in base alla rendita catastale, e ulteriori detrazioni di 20 euro previste per ogni figlio convivente nella prima casa di età inferiore ai 26 anni.

Anche a Torino e Napoli, il saldo Tasi da versare sarà ciò che resta dall’importo totale una volta sottratto quanto versato di acconto. Il pagamento dovrà essere effettuato per tutte le abitazioni e relative pertinenze adibite ad abitazione principale, seconde case,  abitazioni di anziani e disabili residenti in casa di cura ed abitazioni assegnate al coniuge separato o divorziato, immobili commerciali. Ancora prevista una detrazione di 110 euro per le abitazioni con rendita catastale fino a 700 euro e di 30 euro per ogni figlio convivente con meno di 26 anni.

Per quanto riguarda il pagamento del saldo Imu, pagheranno solo i proprietari di prime case ma soltanto se di lusso, seconde case e relative pertinenze, box, e negozi, capannoni, uffici, aziende, terreni, compresi quelli agricoli. Gli unici terreni che continueranno ad essere esclusi dal pagamento dell’Imu sono quelli che si trovano oltre i 600 metri di altitudine. Per verificare il calcolo delle imposte da versare si può usare anche il seguente calcolatore online http://www.webmasterpoint.org/servizio/calcolo-iuc-imu-tasi-tari/prima-casa/.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il