BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni anzianità. usuranti, precoci riforma Governo Renzi: novità statali, privati interventi diversi anticipata Legge Stabilità

Novità e ultime notizie sulla riforma delle pensioni passano dagli emendamenti alla legge di stabilità, ora in via di approvazione al Senato.




Qual è la direzione che sta prendendo la riforma pensioni Renzi? Le novità viaggiano sugli emendamenti alla legge di stabilità già approvati dalla Camera dei deputati e in attesa di via libera dal Senato. Viene prevista la cancellazione dal prossimo anno delle penalizzazioni per chi si congeda dal lavoro prima dei 62 anni pur avendo 42 anni e 1 mese di contributi (uomini) o 41 anni e 1 mese (donne). C'è poi l'individuazione di un tetto per le cosiddette pensioni d'oro da applicare solo dal 2015 a tutti i trattamenti pensionistici, compresi quelli già liquidati: non potrà essere percepito un assegno previdenziale maggiore dell'ultima retribuzione.

Sull'aumento della tassazione sui fondi pensione dall'11,5 al 20%, altro punto controverso in questa fase di presentazione di emendamenti, è intervenuto Filippo Taddei, responsabile economico del Partito Democratico, che da una parte ha definito "dolorosa" questa decisione, dall'altra ha invitato a inquadrare l'inasprimento "in termini più complessivi nell'interesse del Paese". Con la legge di stabilità "si è deciso di tagliare le tasse per 18 miliardi di euro privilegiando le misure in grado di alleviare il carico fiscale sul lavoro e sugli investimenti". Al Senato c'è comunque in ballo la revisione della tassazione delle Casse previdenziali dei professionisti e dei fondi pensione.

Infine, continua a rimanere ferma al palo la proposta di legge elaborata dal presidente della commissione Lavoro della Camera, Cesare Damiano, di riformare le pensioni nel segno della flessibilità ovvero di prevedere la possibilità di andare in pensione tra i 62 e i 70 anni, con almeno 35 anni di contributi, con penalizzazione nell'età compresa tra i 62 e i 65 anni, e un incentivo tra i 67 e i 70 anni.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il