BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Tasi, Imu 2014: domande e risposte, simulatori calcolo online, soluzioni errori, problemi seconda rata e saldo

Si avvicina l'appuntamento con il pagamento del saldo di Imu e Tasi 2014. Ecco alcune risorse utile per non sbagliare calcoli e pagamenti.




Questi sono i giorni del pagamento della seconda rata di Imu e Tasi 2014. Entro il 16 dicembre i contribuenti italiani devono mettersi in regola per evitare il pagamento di indesiderate sanzioni. Nel caso di variazioni di aliquota è necessario effettuare i calcoli. Fra gli strumenti utilizzabili c'è anche il nostro, gratuitamente utilizzabile in questa pagina. In tutti i casi, consigliamo di procedere con controlli incrociati utilizzando altre calcolatrici, così da essere certi della corretteza dei risultati. Fra le tanti segnaliamo quelle di Riscotel e di AmministrazioniComunali.

Sono poi tanti i siti di informazione specializzata che, sotto forma di domanda e risposta, chiariscono i dubbi su abitazione principale, seconde case, altri immobili, terreni e fabbricati agricoli, modalità di pagamento. Fra i più completi c'è la sezione creata dal Sole 24 Ore.

L'omesso, tardivo o parziale versamento delle imposte comporta l'applicazione della sanzione pecuniaria nella misura del 30% degli importi non versati o pagati in ritardo. Il contribuente può evitare l'applicazione integrale della sanzione mediante lo strumento del ravvedimento operoso.

Se lo effettuata dal primo al 14esimo giorno di ritardo (ravvedimento sprint) la sanzione è aumentato dello 0,2% al giorno fino al 2,8%; dal quindicesimo giorno ed entro 30 giorni dalla scadenza del pagamento (ravvedimento breve) è del 3% dell'imposta dovuta e non versata (pari a un decimo della sanzione intera); oltre i 30 giorni (ravvedimento lungo) ammonta al 3,75% dell'imposta dovuta e non versata (pari a un ottavo della sanzione intera). In tutti i casi vanno considerati gli interessi pari allo 0,003% al giorno calcolato sull'importo dell'imposta dovuta e non versata moltiplicato per i giorni a partire dal primo giorno successivo alla scadenza fino al giorno in cui si effettua il pagamento compreso.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il