BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Imu terreni agricoli e non 2014: quando proroga potrebbe avvenire, per chi e quali nuove regole. Discussioni modifiche continuano

Non è stata ancora fissata la nuova data per il pagamento dell'Imu sui terreni agricoli. Restano da scoprire i nuovi eventuali criteri.




Sulla proroga del pagamento dell'Imu sui terreni agricoli non sembrano esserci dubbi. La sola incognita è legata a tempi dello spostamento, inizialmente previsti per martedì 16 dicembre 2014. Se inizialmente era stato immaginato uno slittamento fino a giugno, adesso sembra che per una questione di contabilità a livello europeo, l'appuntamento con la cassa non può essere rinviato oltre il mese prossimo. Ecco allora che la data individuata potrebbe essere il 26 gennaio. Scadenze a parte, restano tanti i nodi da sciogliere, a partire dall'aliquota da applicare fino ad arrivare ai criteri di identificazione dei terreni oggetto di pagamento.

Il punto di partenza è rappresentato dal decreto del Ministero dell'Economia già pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale. Veniva specificato come l'altezza entro la quale far pagare l'imposta è di 600 metri. Erano stati esentati i terreni agricoli posseduti da coltivatori diretti e imprenditori agricoli professionali, iscritti nella previdenza agricola, dei comuni tra 281 e 600 metri, i terreni concessi in comodato o in affitto a coltivatori diretti e imprenditori agricoli professionali e quelli a immutabile destinazione agro-silvo-pastorale a proprietà collettiva indivisibile e inuspicabile.

In aggiunta il governo aveva stabilito esenzioni per reddito. In particolare, il valore del terreno doveva essere maggiore di 6.000 euro secondo tali riduzioni: 70% tra 6.000 e 15.500 euro; 50% tra 15.500 e 25.500 euro; 25% tra 25.500 e 32.000 euro. Resta quindi da capire se e quanta parte di questo impianto fiscale sarà mantenuto. Associazioni di categoria e amministrazioni comunali, infatti, avevao contestato sia i tempi ristretti per il pagamento dell'Imu (in un'unica soluzione) e sia la scarsa differenziazione geografica e geologica fra i terreni sotto i 600 metri di altitudine.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il