BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni donne e uomini Governo Renzi: riforma, novità referendum abolizione Legge Fornero è scontro ufficiale in Parlamento

C'è sempre la riforma delle pensioni fra le novità che caratterizzano l'azione di governo, parlamento e sindacati. Sarà decisivo il possibile referendum per la cancellazione della legge Fornero.




C'è sempre la proposta di referendum per l'abolizione della legge Fornero a caratterizzare le ultime notizie sulla riforma delle pensioni. Dalla pronuncia della Corte costituzionale sull'ammissibilità del quesito dipenderà parte delle politiche economiche future del governo. Non è un caso che la questione delle pensioni, fino a questo momento solo sfiorata dal premier Matteo Renzi, inizia a fare capolinea. Fra le proposte di cui ha riferito il Corriere della Sera, smentita dall'esecutivo, ci sarebbe quella dell'estensione del bonus di 80 euro anche ai pensionati. Vera o presunta che sia, è la spia dell'esistenza di una questione previdenziale che potrebbe esplodere con l'eventuale proposizione di un referendum abrogativo delle regole in vigore.

Ecco perché fra esponenti di governo e sindacalisti, passando per il commissario straordinario dell'Inps Tiziano Treu, sono in tanti a spingere per introdurre cambiamenti prima dell'eventuale chiamata alle urne. Fra i più attivi c'è Cesare Damiano, presidente della commissione Lavoro della Camera dei deputati, favorevole a rendere più flessibile il sistema delle pensioni attraverso la definizione di criteri meno penalizzanti per chi sceglie l'uscita anticipata.

Come metterla con i dati Istat che rivelano come i nuovi pensionati (coloro che hanno iniziato a percepire l'assegno nel 2012) sono 559.634 e in media hanno un reddito di 13.152 euro, più basso di quello della media dei pensionati sopravviventi nell'anno (16.761 euro)? In questo contesto non si ferma la corsa della pressione fiscale che arriva al record del 43,3% del Pil. Il peso del Fisco nel 2013 in Italia è cresciuto ancora dello 0,1% rispetto al 43,2% del 2012. A certificarlo è stata la Banca d'Italia in un supplemento al suo bollettino periodico dedicato alla finanza pubblica dei Paesi europei.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il