BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Tasi, Imu 2014: F24, colcolo online aliquote e detrazioni, compilazione codici tributo saldo prima casa, seconda casa, box, cantin

Il 16 dicembre è l'ultimo giorno utile per il pagamento del saldo di Tasi e Imu 2014 senza sanzioni. Ecco come fare per mettersi in regola.




C'è ancora una settimana di tempo per pagare la seconda rata di Tasi e Imu 2014. L'ultimo giorno utile per non incorrere in sanzioni è martedì 16 dicembre. A meno che non ci siano state variazione di aliquote, l'importo da versare è lo stesso dell'acconto. In caso contrario, occorre accertarsi presso il proprio comune o il sito del dipartimento delle Finanze su cambiamenti di percentuale e rifare i calcoli con più di un simulatore così da essere sicuri del risultato. Fra le tanti soluzioni che il web mette a disposizioni c'è anche la nostra calcolatrice online presente in questa pagina.

La Tasi è la tassa sui servizi, una parte della quale è dovuta dal locatario dell'immobile. La quota varia generalmente tra il 10 e il 30% dell'importo totale. L'Imu è invece dovuta da tutte le abitazioni tranne la prima, purché non sia di lusso. A breve il governo dovrebbe emanare il decreto (o un emendamento alla legge di stabilità) per lo spostamento della scadenza del pagamento dell'Imu sui terreni agricoli. Stando alle regole in vigore, quest'anno l'aliquota massima non può superare il 2,5 per mille, ma i comuni possono arrivare sino al 3,3 per mille se prevedono detrazioni per le prime case.

A casa non arrivano avvisi né bollettini. Bisogna dunque creare il modello F24 e pagarlo in posta banca o su Internet. I codici tributo per il versamento della Tasi da indicare nel modello F24 sono 3958 su abitazione principale e pertinenze, 3959 su fabbricati rurali strumentali, 3960 su aree fabbricabili, 3961 su altri fabbricati. Quelli dell'Imu sono 3912 per abitazione principale e pertinenze (solo categorie catastali A1, A8 e A9), 3914 per terreni, 3916 per aree fabbricabili, 3918 per altri fabbricati, 3925 per immobili a uso produttivo, gruppo catastale D, allo Stato, 3930 per immobili a uso produttivo, gruppo catastale D, al Comune.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il