BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Tasi e Imu 2014: casi particolari, detrazioni, deduzioni, eccezioni saldo e seconda rata Dicembre. Calcolo,per chi e come funziono

Come effettuare nuovo calcolo per pagamenti saldi Imu e Tasi 2014 e in quali casi sarebbe meglio farlo. Nuove aliquote sul sito del Mef




Si possono calcolare rivolgendosi a Caf, commercialisti e professionisti abilitati oppure tramite il seguente calcolatore http://www.webmasterpoint.org/servizio/calcolo-iuc-imu-tasi-tari/prima-casa/ che in pochi click consente di sapere l’importo che bisogna versare per la seconda rata di Imu e Tasi 2014 per cui è necessario fare delle precisazione. Il versamento del saldo consiste nel pagamento della metà delle imposte già calcolate per gli acconti e per cui si è versata, appunto, una parte, per cui non tutti dovrebbero effettuare nuovamente il calcolo delle tasse. Questo in realtà spetterebbe solo ai cittadini residenti in quei Comuni che hanno modificato le aliquote di pagamento 2014 dell’Imu.

Se infatti il calcolo per il pagamento dell’acconto è stato effettuato sulla base delle aliquote del 2013, ora molte città hanno deciso di modificare le proprie aliquote e in questi casi si dovrebbe procedere, ovviamente, ad un ricalcolo della tassa. Per verificare se si risiede in uno dei Comuni che hanno modificato le aliquote basta consultare il sito del Mef dove sono riportate tutte le delibere comunali e per ogni Comune vengono riportate non solo le aliquote di pagamento ma anche eventuali detrazioni ed esenzioni.

Si paga, anche per la seconda rata del 16 dicembre, su tutti gli immobili, prime case comprese per la Tasi, che dovrà essere versata sia da proprietari che da inquilini, in percentuale sempre compresa tra il 10 e il 30% dell’importo totale, mentre per l’Imu si paga su tutti gli immobili ad eccezione delle abitazioni principali, si paga da quest’anno anche su tutti i terreni, quelli agricoli compresi, ad eccezione esclusivamente di quelli montani situati in Comuni ad oltre 600 metri di altitudine, e pagano questa imposta solo e soltanto i proprietari per cui non spetta alcun pagamento agli inquilini.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il