BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Tasi e Imu 2014: Roma, Torino, Palermo seconda rata e acconto. Calcolo online abitazione principale, seconda casa, casa affitto

Ancora una settimana di tempo per versare la seconda rata dell'anno di Imu e Tasi. Attenzione a possibili variazioni di aliquota.




Rush finale per i contribuenti italiani con il pagamento del saldo di Imu e Tasi 2014, compresi quelli di Roma, Torino e Palermo. Per entrambe le imposte, la prima sulle proprietà immobiliari, la seconda sui servizi comunali, l'appuntamento con la cassa è entro il 16 dicembre. Nella maggior parte dei casi l'importo da versare è lo stesso della prima rata, ma occorre fare attenzioni alla possibile applicazione di aliquote differenti. In ogni caso, in questa pagina è presente il nostro simulatore online gratuitamente utilizzabile.

A Roma l'aliquota Tasi è al 2,5 per mille per abitazione principale e relative pertinenze, esclusi i fabbricati classificati nelle categorie catastali A1, A8 e A9; unità immobiliari appartenenti alle cooperative edilizie a proprietà indivisa, adibite ad abitazione principale e relative pertinenze dei soci assegnatari; fabbricati di civile abitazione destinati ad alloggi sociali; casa coniugale assegnata al coniuge, a seguito di provvedimento di separazione legale, annullamento, scioglimento o cessazione degli effetti civili del matrimonio.

Come si calcola la Tasi a Torino? Alla rendita catastale rivalutata si applica l'aliquota del 3,3 per mille. Previste detrazioni di 110 euro per le abitazioni con rendita inferiore a 700 euro e di 30 euro per ogni figlio convivente con meno di 26 anni. Si paga lo stesso importo della prima rata di giugno. E l'Imu? Alla rendita catastale rivalutata si applica l'aliquota del 10,6 per mille. Anche in questo caso bisogna versare lo stesso importo della prima rata di giugno.

A Palermo l'aliquota Tasi è al 2,89 per mille. Per una rendita catastale fino a 300 euro la detrazione ammonta a 100 euro; da 301 a 400 a 50 euro, a cui vanno aggiunti 20 euro per ogni figlio minore di 18 anni e disabile a prescindere dall'età.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il