BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Imu terreni agricoli 2014: proroga, ufficiale non ci sarà. Interventi Comuni su scadenza 16 Dicembre senza sanzioni. Calcolo

Polemiche e malcontenti per il nuovo pagamento Imu 2014 sui terreni agricoli: insorgono forze politiche e associazioni. La situazione




AGGIORNAMENTO: Novità, ultime e ultimissime notizie e aggiornamenti non positivi ad oggi venerdì 12 Dicembre 2014 su Imu terreni agricoli e non 2014 in quanto secondo numerose indiscrezioni non vi sarà nessun rinvio e proroga della scadenza nè al 26 Gennaio nè a febbraio o Giugno.
Si dovrà pagare subito, al massimo senza sanzioni secondo una circolare del Mefa che potrebbe arrivare tra oggi e lunedì. Molti Comuni, comunque, potrebbero decidere di sospendere del tutto la tassa, causando non pochi problemi con le leggi e i vincoli europei. Continuano, comunque, le trattative. Occhi puntati anche al Consiglio dei Ministri di oggi, anche se non è vi nessun ordine del giorno ufficiale riguarnate l'Imu o tasse sui terreni agricoli e non

La novità Imu di quest’anno riguarda il nuovo pagamento, per il mese di dicembre, dell’imposta sui terreni agricoli, che finora sono sempre stati esenti da versamento di questo tributo esattamente come le abitazioni principali, e relative pertinenze. Ma si tratta di una novità che sta scatenando, come prevedibile, parecchie polemiche e malcontenti. Protestano, infatti, gli agricoltori, protestano le associazioni del settore. Secondo quanto stabilito dal Ministero del Tesoro con il nuovo decreto pubblicato, gli unici terreni che continueranno a non pagare l’Imu sono quelli che si trovano in Comuni ad oltre 600 metri di altitudine.

Saranno, invece, previste ad esenzioni parziali i terreni situati in Comuni che si trovano ad una altitudine fra 281 e 600 metri, mentre tutti gli altri dovranno pagare interamente la tassa per il 2014. Secondo Antonio Quercia, dottore commercialista in Bari, autore di testi di diritto tributario e societario, “Appare evidente l’enorme penalizzazione connessa al suddetto provvedimento. Basti pensare che se in Puglia, fino al 2013 il 56% dei comuni godeva dell’esenzione ai fini Imu per i terreni agricoli, dal 2014 solo il 6% degli stessi potrà godere dell’esenzione in modo automatico ed il 15% limitatamente ai terreni posseduti da coltivatori diretti e imprenditori agricoli professionali iscritti nella previdenza agricola. Se in Basilicata, fino al 2013 il 98,5% dei centri godeva dell’esenzione ai fini Imu, dal 2014, solo il 57% degli stessi potrà godere dell’esenzione in modo automatico ed il 39% limitatamente ai terreni agricoli posseduti da coltivatori diretti ed imprenditori agricoli professionali iscritti nella previdenza agricola e tutti i terreni agricoli delle cittadine della provincia di Lecce saranno assoggettati all’Imu e ciò a fronte di ben 61 centri che, invece, fino al 2013 erano considerati montani e pertanto esentati dal tributo”.

Imu sui terreni agricoli da prorogare anche per la Lega. Secondo il senatore Paolo Arrigoni: “I cittadini sono stati condannati a pagare e i sindaci dovranno, in tutta fretta, avviare l’iter per la riscossione del tributo a soli dieci giorni dal termine. Un enorme pasticcio a cui l’esecutivo deve subito porre rimedio”. E la proroga è stata decisa, il pagamento dovrebbe infatti slittare al prossimo 26 gennaio ma si attende conferma ufficiale, probabilmente domani in Senato o in un decreto apposito.
 

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il