BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni vecchiaia e anzianità Governo Renzi: riforma incredibile ennesimo paradosso. Spesa previdenza record, assegni bassi

Alla luce degli ultimi dati sulla situazione della previdenza in Italia, la riforma pensioni Renzi non è più rinviabile. Serve una sterzata.




Perché c'è bisogno della riforma delle pensioni? Perché le ultime notizie diffuse dall'Istat rivelano che quasi la metà di chi si è ritirato dal lavoro (il 41,3%) percepisce un assegno previdenziale inferiore a 1.000 euro al mese. C'è dunque bisogno di urgenti novità e cambiamenti per rendere il welfare italiano più sostenibile. Le normi contenute nella legge Fornero, infatti, vanno nella sola direzione della salvaguardia dei conti dello Stato e mettono in secondo o in terzo piano le necessità sociali.

Ma qualcosa che non funziona degli ingranaggi è evidente, come dimostrato dalle tante inevitabile correzioni alle regole attuali. Su tutte si segnalano gli emendamenti che cancellano le penalizzazioni per chi va in pensione a 62 anni con i giusti requisiti contributivi e l'individuazione di un tetto agli assegni d'oro.

E ancora, nonostante le riforme a impatto "importante" e ad "ampio spettro" operate tra il 2012 e il 2014, la spesa pensionistica italiana continuerà ad aumentare in rapporto al Pil, sia a breve sia a lungo termine. Lo calcola l'Ocse (che ha però promosso la sostenibilità della manovra italiana), nella sua analisi sui sistemi previdenziali, stimando che nel nostro Paese la spesa pensionistica arriverà al 14,9% del Pil nel 2015 e salirà fino al 15,7% all'orizzonte 2050.

L'aumento nei prossimi decenni sarà, però, contenuto rispetto a quello registrato in altri Paesi europei, come il Lussemburgo, che arriverà a sforare quota 18% del Pil, il Belgio, che balzerà dall'11,9% al 16,7%, e la Spagna, in cui la quota salirà di 4 punti percentuali, dal 10% al 14%. Nel 2011, ultimo anno per cui l'organizzazione parigina ha dati completi, l'Italia era prima tra i Paesi Ocse per il peso della spesa destinata alle pensioni sull'insieme della spesa pubblica: 31,9%, quasi il doppio della media.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il