BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni vecchiaia, donne, uomini riforma Governo Renzi: novità modifiche penalizzazioni, contributivo incerte. Rimandato voto

Quali novità sulla riforma pensioni Renzi mettere in conto con la presentazione in Senato dei 3.800 emendamenti alla legge di stabilità?




Sono circa 3.800 gli emendamenti presentati in commissione Bilancio al Senato, compresi quelli sulla riforma pensioni, di cui oltre un terzo sono stati depositati dalla maggioranza. Inevitabile allora che il voto al Senato slitti rispetto alla tabella di marcia inizialmente prevista. Le ultime notizie raccontano infatti del maxi lavoro nelle commissioni competenti di Palazzo Madama, dove tra l'altro il governo non sempre riesce a spuntarla. A ogni modo, l'appuntamento con l'Aula potrebbe slittare nel week-end o all'inizio della prossima settimana.

Proprio quella della previdenza continua a essere uno dei fronti più caldi. Dopo l'aumento delle tasse sulle rendite finanziarie dal 20 al 26% decisa ad aprile, il governo ha previsto con la legge di stabilità l'innalzamento dell'aliquota sui fondi pensione dall'11,5% al 20% a partire dal 2015. Ieri, però, nel corso dell'esame del provvedimento al Senato, il viceministro dell'Economia, Enrico Morando, ha aperto la porta a qualche possibile modifica, purché si tenga conto "che ogni punto di riduzione dell'aliquota costa 38 milioni di euro". L'obiettivo più verosimile è la riduzione al 17%.

Più in discesa il via libera a due emendamenti correttivi su cui la Camera ha già dato il via libera. Il primo prevede la cancellazione delle penalizzazioni per chi va in pensione prima dei 62 anni nonostante il raggiungimento dei requisiti contribuitivi richiesti. Il secondo fissa un tetto alle pensioni d'oro. Anche in questi casi, tuttavia, non c'è nulla di scontato poiché ci sono emendamenti che prevedono la revisione parziale di queste condizioni. Non basteranno invece i tanti appelli anche di questi giorni per rendere il sistema più flessibile prevedendo criteri meno penalizzanti per l'uscita anticipata.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il