BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Imu terreni agricoli 2014: proroga ufficiale a Gennaio, confermata. Regole, calcolo, scadenze. Cosa cambia, per chi e quando

Nuovi dubbi sull’approvazione della proroga di pagamento Imu sui terreni agricoli a gennaio ma attesa nuova circolare Mef con novità versamenti




AGGIORNAMENTO: Novità e ultime notizie molto importanti per quanto riguarda l'IMU 2014 sui terreni agricoli e non. La proroga è stata concessa al 26 Gennaio dal Consiglio dei Ministri.
Rimangono molti dubbi e problemi sulle regole, ma la discussione è aperta per ulteriori modifiche nel corso delle prossime settimana

Solo qualche giorno fa era arrivata notizia di una proroga possibile di pagamento per l'Imu 2014 sui terreni agricoli, misura contenuta in un nuovo decreto Renzi che, in base all’altitudine in cui sono situati i Comuni italiani, ha stabilito che: i terreni situati in Comuni sopra i 600 metri di altitudine continueranno ad essere completamente esenti dal pagamento Imu 2014; i terreni che si trovano in Comuni tra i 281 e i 600 metri di quota saranno soggetti solo ad esenzioni parziali valide per i terreni posseduti e coltivati da coltivatori diretti e imprenditori agricoli professionali; mentre devono pagare regolarmente l’imposta tutti i terreni che si trovano in Comuni situati sotto i 281 metri.

L’elenco dei Comuni con le relative altitudini si può consultare sul sito Internet dell’Istat. Al momento però manca ancora l’ufficialità della proroga che, come aveva annunciato il sottosegretario Zanetti sarebbe dovuta arrivare con un decreto-legge che ne avrebbe spostato il pagamento al 26 gennaio 2015. Nulla in merito però è ancora stato reso noto e ora l’attesa, più che per la proroga, è per una nuova circolare del Mef.

Si tratta di novità che dovrebbe definire nuove regole di calcolo, nuovi criteri dell’imposta, dei parametri applicativi, delle stime di gettito, delle modalità di definizione dei Comuni coinvolti, e di pagamento Imu sui terreni senza multe per chi paga in ritardo, considerando il poco tempo a disposizione.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il