BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Tasi, Imu 2014: seconda rata e saldo. Cosa cambia rispetto acconto e per chi. Calcolo F24, codici tributi seconda casa, prima casa

Scade tra tre giorni, martedì 16 dicembre, il termine di versamento dei saldi di Imu e Tasi 2014 ed è corsa a nuovi calcoli: cosa fare




Scade tra tre giorni, martedì 16 dicembre, il termine di versamento dei saldi di Imu e Tasi 2014 ed è corsa a nuovi calcoli. Pagare il saldo delle imposte sugli immobili, solitamente significa versare la metà restante della cifra totale dopo il versamento degli acconti. Regola che vale per la Tasi sicuramente ma che per l’Imu quest’anno potrebbe non valere per tutti. L’Imu di giugno è stata infatti calcolata sulle aliquote di pagamento 2013 ma finora diversi Comuni italiani, soprattutto i più piccoli, hanno modificato le aliquote di pagamento aggiornandole al 2014.

Ed ecco che i cittadini di questi Comuni dovranno procedere nuovamente al calcolo dell’imposta, che seguirà le stesse modalità del calcolo dell’acconto e si otrà di nuovo effettuare con calcolatori online, e che potrebbe dare però come risultato una cifra più salata da pagare rispetto all’acconto. Per  verificare se il proprio Comune di residenza ha cambiato l’aliquota di pagamento, basta consultare il sito del Mef che riporta tutte le delibere.

Per il resto, si procederà esattamente con per l’acconto, si pagherà, cioè con bollettino postale o modello F24 e mentre l’Imu si dovrà pagare su tutti gli immobili, ad eccezione solo delle abitazioni principali e relative pertinenze, e da quest’anno anche sui terreni agricoli, esclusi solo quelli che si trovano in Comuni oltre i 600 metri di altitudine, e a pagare sono esclusivamente i proprietari, la Tasi invece si paga su tutti gli immobili, prime case e relative pertinenze comprese, seconde case, case in affitto, terreni e immobili commerciali, e pagano in questo caso non solo i proprietari ma anche gli inquilini, cui spetterà il versamento di una percentuale dell’importo totale compreso tra il 10 e il 30%.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il