BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Android 5.0 e 5.0.1: uscita aggiornamento Samsung Galaxy S5, S4, S4 Mini, Note 3, Nexus 5, 4, HTC, Xperia, LG. Novità settimana

Fra Android 5.0 e Android 5.0.1 Lollipop continua a essere in moto la macchina dell'aggiornamento del sistema operativo di Google.




Nel giro di pochi giorni Google ha prima rilasciato il nuovo sistema operativo Android 5.0 Lollipop e subito dopo l'aggiornamento correttivo 5.0.1. Come da tradizione, il rollout è iniziato con i dispositivi della gamma Nexus, esattamente il Nexus 9 Wi-Fi, il Nexus 7 2013 Wi-Fi, il Nexus 10, il Nexus 6, il Nexus 4, il Nexus 5 e il Nexus 7 2012, e in maniera progressiva sta raggiungendo smartphone e tablet di altri produttori. Per verificare manualmente la disponibilità dell'update di sistema operativo sul proprio terminale è comunque possibile seguire il percorso Impostazioni > Info sul telefono > Aggiornamenti sistema.

Il software sta timidamente facendo la sua comparsa in alcun paesi selezionati. Solo dai primi mesi del prossimo anno Android 5.0 Lollipop sarà verosimilmente scaricabile anche in Italia dai possessori di Samsung Galaxy S5, Samsung Galaxy Note 4, Samsung Galaxy Note 3 e Samsung Galaxy Alpha, LG G2 e LG G3, HTC One M8, HTC One M7 e HTC One Mini, Xperia Z, Xperia ZL, Xperia ZR, Xperia Tablet Z, Xperia Z Ultra, Xperia Z1, Xperia Z1S, Xperia Z1 Compact, Xperia Z2, Xperia Tablet Z2, Xperia Z3, Xperia Z3v, Xperia Z3 Compact, Xperia Tablet Z3 Compact. Si resta in attesa di comunicazioni più precise da parte degli operatori TIM, 3 Italia, Vodafone e Wind.

Stando ai primi commenti l'update 5.0.1 Lollipop sistemerebbe quei difetti che coinvolgerebbero a vario titolo i dispositivi della gamma Nexus, come l'impossibilità di visualizzazione dei video presenti su YouTube, la disabilitazione dell'uso della fotocamera, la disattivazione dell'audio dagli altoparlanti e dal jack per le cuffie, l'impossibilità di connettersi al web via Wi-Fi o attraverso altre reti, la scomparsa della sincronizzazione dei servizi collegati all'account Google, la gestione imperfetta della RAM.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il