iPhone 6 e Nexus 6: prospettive diverse Samsung Galaxy S6, iPhone 6S, 7, Nexus 7 rispetto i modelli di quest'anno

La sfida fra i grandi produttori di smartphone si rinnoverà nel 2015 a colpi di innovazione e sulla base del riscontro ottenuto dagli attuali top di gamma.

iPhone 6 e Nexus 6: prospettive diverse


I numeri parlano chiaro: stando a quanto dichiarato da Apple, le vendite di iPhone 6 sono andate a gonfie vele. Non ci sono riscontri accertabili sul Nexus 6, il nuovo device di Google, ma l'impatto sul mercato è stato di certo inferiore a quello del suo predecessore Nexus 5. D'altronde era inevitabile alla luce del netto cambiamento di strategia della società di Mountain View. Da un terminale dall'eccellente rapporto fra prezzo e qualità si è passati a un altro che, sebbene dalle caratteristiche tecniche di primo piano, mostra costi allineati con gi altri top di gamma.

Il futuro è però ancora tutto da scrivere. BigG sta infatti lavorando sul Project Ara. Si tratta della scommessa tecnologica attraverso cui dare gli utenti l'opportunità di assemblare uno smartphone secondo le proprie esigenze e preferenze. Il progetto è già avviato, prendere quota nel 2015 e non va escluso che, almeno in parte, possa atterrare sul futuro Nexus 7. In casa Cupertino, la prossima generazione del melafonino - sia essa l'iPhone 6S o l'iPhone 7 - dovrebbe rappresentare la naturale evoluzione di quanto visto finora. Non è poco, certo, ma chi si aspetta un balzo di qualità nel segno dell'innovazione potrebbe rimanere deluso.

Della partita ci sarà anche il Samsung Galaxy S6, su cui le indiscrezioni raccontano della presenza di uno schermo di tipo Quad HD con risoluzione pari a 2.560 × 1.440 pixel, del processore Snapdragon 810 da 8 core e 64 bit, affiancato da 3 o 4 GB di RAM di tipo LP DDR4, o del chip Exynos 7420 a 64 bit octa-core in configurazione big.LITTLE (Cortex A53 + Cortex A57), con modem LTE (Long Term Evolution) integrato. Si prospettano 3 tagli di memoria da 32 GB, da 64 GB e da 128 GB, tutte di tipo UFS. Basta per entusiasmare? Qualche risposta potrebbe arrivare dal CES di Las Vegas, ma non è detto che sia rivoluzionaria.

Ti è piaciuto questo articolo?





Vuoi rimanere aggiornato su argomenti simili?

Inserisci la tua email qui:

Accetto la Privacy Policy

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione



Commenta la notizia
di Marianna Quatraro pubblicato il