BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Imu 2014, Tasi 2014: F24 seconda casa, terreni, prima casa, pertinenze seconda saldo, seconda rata. Calcolo online e compilazione

C'è tempo fino a martedì per adempiere alle scadenze fiscali di Imu e Tasi 2014. I codici tributo variano in base all'immobile posseduto.




Ci sono sia l'Imu sia la Tasi da pagare entro il 16 dicembre 2014. In entrambi i casi si tratta del saldo ovvero della seconda rata, il cui importo dovrebbe essere lo stesso dell'acconto. Il condizionale è d'obbligo perché se la propria amministrazione comunale ha modificato l'aliquota occorre rifare i calcoli. Per farli è disponibile in questa pagina il nostro simulatore online. Consigliamo comunque di utilizzarne più di uno così da essere sicuri sul risultato finale ovvero sull'importo da versare.

Chi è soggetto alla Tasi, l'imposta sui servizi indivisibili introdotta quest'anno? Tutti gli immobili, abitazioni principali comprese. Una quota compresa tra il 10 e il 30% per le seconde case è a carico dell'inquilino. La base imponibile si calcola come nel caso dell'Imu. L'aliquota base è all'1 per mille, ma i Comuni hanno potuto ridurla fino all'azzeramento o differenziarla con ampia discrezionalità. E ancora, 2,5 per mille è l'aliquota massima per il 2014, ma i Comuni hanno avuto facoltà di aggiungere uno 0,8 per mille e arrivare sino al 3,3 per mille a condizione che con tale aumento siano finanziate detrazioni per categorie sociali deboli.

I codici tributo da utilizzare per il pagamento dell'Imu e da indicare nel modello F24 sono 3912 per abitazione principale e pertinenze (solo categorie catastali A1, A8 e A9), 3914 per terreni, 3916 per aree fabbricabili, 3918 per altri fabbricati, 3925 per immobili a uso produttivo, gruppo catastale D, allo Stato, 3930 per immobili a uso produttivo, gruppo catastale D, al Comune. Quelli per il versamento della Tasi sono invece 3958 su abitazione principale e pertinenze, 3959 su fabbricati rurali strumentali, 3960 su aree fabbricabili, 3961 su altri fabbricati.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il