BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni uomini e donne Governo Renzi: riforma, novità segnali negativi per privati dopo solo mobilità per statali

Nessun pensionamento anticipato per gli statali in esubero ma mobilità per tutti: la novità e cosa aspettarsi in Legge di stabilità per le pensioni




Un emendamento alla Legge di stabilità 2015 presentato solo qualche giorno fa chiedeva, tra le diverse novità, per i dipendenti delle Province in esubero, la possibilità di andare in pensione anticipata secondo le vecchie regole pensionistiche ante riforma Fornero. Era una possibilità chiesta per effetto della riforma Delrio ma che è stata scontata. Nessun prepensionamento, dunque, come confermano le ultime notizie, ma mobilità estesa per tutti. I dipendenti in esubero verranno, dunque, ricollocati in altri enti, da Province a Comuni, ma anche università e uffici giudiziari e nessuno andrà in pensione prima.

Speranze svanite, dunque, per questa categoria di dipendenti statali, mentre si profilano novità per tutti gli altri, a partire dalla conferma dell’abolizione delle penalizzazioni, previste oggi dalla riforma Fornero,per chi decide di andare in pensione prima dei 62 anni ma con l’anzianità contributiva maturata.

Insieme a questa decisione, si attende anche la decisione definitiva sulla proroga, al momento decisa dall’Inps, dell’opzione contributivo donna che permetterà ancora per un anno,l cioè fino al 31 dicembre 23015, alle lavoratrici sia dipendenti che autonome, di andare in pensione a 57 o a 58 anni purchè accettino il calcolo della loro pensione finale con metodo contributivo, vale a dire percependo un assegno mensile decisamente ridotto rispetto a quanto invece avrebbero con calcolo retributivo.

Si tratta di due novità tanto attese che però, come emerso negli ultimi giorni, rischiano di slittare, insieme alla ripresa delle discussioni su piani di uscita anticipata e flessibile per tutti, il prossimo gennaio, anche se sarà il voto in Senato sulla nuova Manovra a farci capire se sarà effettivamente confermato questo nuovo slittamento o si procederà invece con l’approvazione di queste novità.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il