BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni Governo Renzi riforma ultime notizie: ricorsi cittadini per ingiustizie ed errori contro INPS. Risarcimenti miliardari

Non solo un buco di quasi 13 miliardi: raddoppiano per l’Inps i contenziosi e la situazione potrebbe arrivare la collasso. La situazione




Ancora problemi per l’Inps, che se l’anno scorso ha registrato un buco da 12,8 miliardi, quest’anno si avvia a dover affrontare tantissimi contenziosi tanto da dover chiedere al governo Renzi una misura ad hoc per limitare le cause. Inoltre, nel 2013, gli oltre 270 miliardi versati dai lavoratori non sono bastati a coprire le spese, circa 400 miliardi, e il governo ha dovuto contribuire con un assegno da 114 miliardi. Ecco dimostrata dunque la situazione di profonda crisi in cui versa l’Istituto e c’è di più.

Secondo il bilancio 2013 dell’istituto, i contenziosi civili di primo grado tra gennaio e maggio di quest’anno sono stati ben 415.585 contro le 447.569 cause dell’intero 2013. Se questa crescita dei ricorsi in costante crescita dovesse essere confermata anche per quest’anno, il 2014 potrebbe chiudersi con un raddoppio del numero di cause e l’impossibilità di quantificare i risarcimenti miliardari richiesti. Si tratta di una questione che intimorisce parecchio l’Inps, i cui conti rischiano il collasso.

L’Istituto intanto continua a perseguire quelle che definisce ‘azioni specifiche e mirate come un’adeguata formazione del personale finalizzata ad allineare i tempi di definizione dei ricorsi alle disposizioni di legge ed alle esigenze di tutela dei diritti dell’utenza’. E dopo la proroga dell’opzione contributivo donna, decisa a seguito di ricorsi e class action contro il termine anticipato di questa possibilità di prepensionamento per le lavoratrici, il rischio è creare precedenti che aprano falle nei conti.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il