BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Android 5 e 5.0.1: tra problemi, aggiornamento avanti lento per Samsung Galaxy S5, LG, Xperia, Nexus 4,5, S4, HTC One, Note 3

Solo dai primi mese del prossimo anno prenderà quota la distribuzione dell'aggiornamento di sistema operativo Android 5.0 Lollipop.




Sono due gli aggiornamenti in ballo: Android 5.0 Lollipop e il successivo upgrade correttivo Android 5.0.1. Rispetto al percorso inizialmente immaginato, la distribuzione sta proseguendo con una certa prudenza. Non è forse un caso il completo silenzio degli operatori telefonici Tim, Vodafone, Wind e 3 Italia rispetto ai tempi di rilascio. Salvo sorprese di fine anno, solo dal 2015 sarà possibile mettere in conto l'arrivo del sistema operativo su larga scala.

Fra i prossimi produttori pronti ad accogliere la nuova major release di Google c'è HTC. Già all'indomani dell'annuncio di Google del rilascio di Android 5.0 Lollipop, il produttore orientale aveva promesso l'arrivo sui suoi dispositivi entro 90 giorni. Stando invece alle ultime notizie, già nei primissimi giorni del prossimo anno (il 3 aprile) potrebbe prendere il via il rollout. Oltre che per l'HTC One M8 (2014), il software sarà disponibile per HTC One M8 (2014) Google Edition, HTC One M8 (2014) Dual SIM, HTC One M7, HTC One M7 Dual SIM, HTC One Desire Eye, HTC One E8, HTC One Dual SIM, HTC Butterfly 2, HTC One Mini 2, HTC Desire 816, HTC One Max, HTC One Mini, HTC Butterfly S.

Grandi manovre anche in casa Samsung, dove l'aggiornamento è salito a bordo della Google Play edition del Samsung Galaxy S4. Fra i device coinvolti da Lollipop ci sono Samsung Galaxy S5, Samsung Galaxy Note 4, Samsung Galaxy Note 3 Samsung Galaxy Alpha, Samsung Galaxy S5 Mini, Samsung Galaxy S4 e Samsung Galaxy S4 Mini. A ogni modo tutti i possessori di un dispositivo Samsung possono verificare manualmente la disponibilità dell'upgrade di sistema operativo sul proprio terminale seguendo il percorso Impostazioni > Info sul telefono > Aggiornamenti sistema.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il