BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Legge Stabilità: pensioni, riforma, Irap, Tfr anticipato, quota 96, bonus 80 euro. Voto ufficiale misure tra oggi, sabato,domenica

Tra domani giovedì 18 dicembre e venerdì atteso voto in Senato sulla nuova Legge di stabilità: quali le novità pensioni e le altre misure contenute




Questione pensioni, novità Irap, bonus 80 euro, modifiche sul Tfr anticipato sono tre le misure e novità attese nella nuova Legge di Stabilità che tra domani, giovedì 18 dicembre, e venerdì 19. Diverse le modifiche in tema di tassazione: tra gli emendamenti ancora in discussione quello che prevede che i soggetti Irap che non hanno dipendenti potranno fruire di un credito d'imposta del 10%, per compensare l'aumento dell'aliquota dal 3,5% al 3,9%. Il credito cale dal periodo d'imposta 2015.

Passando invece alle novità sui regimi dei minimi, una modifica presentata in Senato prevede che vengano esclusi dalle agevolazioni fiscali previste dal nuovo regime dei minimi ‘i soggetti con redditi di lavoro dipendenti e assimilati prevalenti rispetto ai redditi oggetto di agevolazione ad eccezione di coloro per cui la somma di tali redditi non superi i 20.000 euro’. Attese invece decisioni sull'aumento della tassazione per le casse private dei professionisti dal 20% al 26%, per i fondi pensione per cui dovrebbe passare dall'11,5% al 20% ma un emendamento di modifica ha chiesta che venga ridotto l’aumento al 17% e sul Tfr in busta paga.

In materia di pensioni si attende inoltre di capire se sarà confermata, o meno, l’abolizione delle penalizzazioni per coloro che avendo maturato l’anzianità contributiva decidono di andare in pensione prima dei 62 anni. Nessuna novità invece previste per i quota 96 della scuola, nonostante i nuovi emendamenti presentati da M5S e Sel per una soluzione al loro caso. Diventa poi strutturale dal 2015 il bonus da 80 euro in busta paga per i dipendenti statali e non ne viene ampliata, come richiesto, la platea dei beneficiari.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il